Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Slough Feg
:: Slough Feg - Ape Uprising - (Cruz Del Sur –2009)
Gli statunitensi Slough Feg, sino al 2005 conosciuti con il monicker di “The Lord Weird Slough Feg”, si sono sempre contraddistinti per il loro costante impegno nel recuperare e riproporre le sonorità metalliche delle origini, quelle germogliate direttamente dal fertile terreno dell’hard rock sul finire degli anni ’70. Nei loro primi album il sound degli Slough Feg era più identificabile come un classic metal contaminato qua e là da spruzzatine di celtic folk, mentre onegli ultimi tempi si sono spostati sempre più verso sonorità hard-rock, per giungere con questo “Ape Uprising” ad apici compositivi mai toccati in precedenza. Il disco, prodotto dalla nostrana Cruz Del Sur, è, in una parola, eccezionale. Si parte con “The Hunchback Of Notre Doom”, un chiaro e devoto tributo ai padri del doom metal, gli oscuri Black Sabbath, poi, con “Overborne” , “Ape Uprising” e la sua chiusa “Ape Outro” si passa a celebrare un’altra fase storica dell’evoluzione dell’heavy-metal, la NWOBHM, che ebbe negli Iron Maiden i suoi massimi interpreti, qui tributati dagli Slough Feg con partiture galoppanti che sembrano uscite direttamente dalla penna del buon Steve Harris. L’apice del disco viene però raggiunto dal terzetto centrale “Simian Manifesto”, “Shakedown At Six” e ”White Cousin”, tre brani di strepitoso Hard Rock anni ’70, progressivo, catchy, groovy e geniale per varietà di soluzioni stilistiche adottate, tre pezzi che agli ascoltatori più attenti in certi frangenti potrebbero ricordare il sound dei Jethro Tull. “Ape Uprising” è uno dei must del 2009, da avere a tutti i costi!
Voto: 8,5/10
Marco Cramarossa

Contact
www.sloughfeg.com
:: Slough Feg - Hardworlder - (Cruz Del Sur - 2007)
Tornano sul mercato discografico i “paisà” Slough Feg (ex The Lord Weird Slough Feg), e lo fanno a modo loro: metal classico con influenze celtiche. Salta subito all’occhio la stupenda copertina del cartoonist americano James E. Lyle, che riporta alla mente fumetti e copertine dei paperbook di fantascienza anni 60. L’iniziale “The Return Of Dr. Universe” è una canzone di classico metal muscolare. “Tiger! Tiger!” ha un flavoir settantiano. “The Sea Wolf” è una ballata in bilico fra Iron Maiden e irish folk. La title track è una hard rock song sanguigna. In definitiva, il disco più retrò e chitarristico del gruppo di San Francisco. Nelle tredici canzoni che compongono l’album sono comprese due cover: \"Dearg Doom\" del gruppo folk rock irlandese Horslips e la più classicamente metallica \"Street Jammer\" dei Manilla Road. Da sottolineare, inoltre, la bella iniziativa – intitolata Try Before Buy - della Cruz Del Sur che permette di ascoltare in streaming l’album (http://cruzdelsurmusic.com/hw/hardworlder.htm) per valutarne l’acquisto. Quindi, non vi resta che provare e acquistare!

Voto: 7,5/10

g.f.cassatela

Contact
www.sloughfeg.com
www.myspace.com/sloughfeg
<<< indietro


   
I Sileni
"Rubbish"
Prong
"Zero Days"
Paradise Lost
"Medusa"
Straight Opposition
"The Fury From The Coast"
Blind Guardian
"Live Beyond The Spheres"
Mother Nature
"Double Deal"
Numenor
"Chronicles From The Realm Beyond"
Beny Conte
"Il ferro e le muse"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild