Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Sloe Gin
:: Sloe Gin - A Matter Of Time - (BloodRock Recrds – 2013)
Su un noto social network avevo letto le prime notizie sulla nuova band di Enio Nicolini. Essendone un fan, mi aspettavo un album che riproponesse un solido heavy metal di scuola italiana, visti i suoi trascorsi nei The Black, senza contare le pubblicazioni a nome Akron e Unreal Terror. Ma se non basta un indizio per fare una prova, a rafforzare queste mie aspettative c’erano anche i nomi dei due compagni d’avventura del buon Enio: Eugenio Mucci (ex Requiem, Akron) e Giuseppe Miccoli (ex Requiem). Alla luce di quanto sopra, potrete capire lo smarrimento provato dal sottoscritto una volta inserito il cd nel mio lettore: altro che dinosauri del rock in preda a tremori nostalgici! A Matter Of Time è l’album che non ti aspetti, sia come suoni che come concezione. Prima di tutto non c’è la chitarra, è il basso di Nicolini a farla da padrona, sostenuto nel suo incedere dalla batteria di Giuseppe Miccoli. Al terzo membro spetta il compito di cantare su questa base ritmica ossessiva ed estraniante. Perché ascoltare questo esordio ha strani effetti, quasi disturbanti. Se il tutto suona moderno, va anche detto che qui e là nelle trame sonore si inseriscono rimandi ai Black Sabbath. Ed è proprio a uno dei quattro cavalieri di Birmingham che ho pensato dopo aver ascoltato per la prima volta l’album: le sensazione provate sono le stesse che avvertii quando misi sul piatto l’esordio dei GZR di Geezer Butler. Le similitudini tra i due progetti sono parecchie, entrambi sono bass oriented e hanno un vena modernista. Ovvio pensare pure ai Primus, anche se in AOT la vena pazzoide che contradistingue Claypool e compagni è meno presente, sostituta da quel flavoir doom di cui parlavo prima. Se siete dei true mettaler intransigenti, allora questo album non fa per voi. Se invece non disdegnate capatine in ambiti un po’ più sperimentali, troverete sicuramente degli spunti interessanti. Certo, se non ha avuto paura di cambiare Enio Nicolini, perché dovreste averne voi?
Voto: 7,5/10
g.f.casattella

Contact
www.bloodrockrecords.com
www.blackwidow.it/
<<< indietro


   
Banana Mayor
"Primary Colors Part I: The Red"
Deflore
"Epicentre"
Where The Sun Comes Down
"Welcome"
Lo Fat Orchestra
"Neon Lights"
Eyelids
"Endless Oblivion"
Disequazione
"Progressiva Desolazione Urbana"
Labyrinth
"Architecture Of A God"
Uneven Structure
"La Partition"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild