Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Slash
:: Slash - Slash - (RoadRunner – 2010)
Se escludiamo il sottoscritto e il Cav. Silvio Berlusconi, in questi ultimi vent’anni il buon Slash ha suonato con tutti i migliori cantanti in circolazione. Sarà per questo che ha scelto la scorciatoia per il suo ritorno sulle scene. Invece di rimettersi in discussone come ai tempi degli Slash’s Snake Pit (e in certo qual modo con i Velvet Revolver), ha ben pensato di aggiungere alla quota minima di vendite sindacali (quella garantitagli dai fan dei G ‘n’ R) anche quella di alcuni dei nomi più importanti dell’ universo rock (più o meno pesante). Quando fai un’operazione del genere, mandi a benedire l’omogeneità stilistica dell’album. Si paga lo scotto di dover creare dei brani “ad personam” (nessun riferimento a uno dei due cantanti citati in apertura) per ognuno degli ospiti, perdendo così una propria identità stilistica. Certo, stralci dello Slash che fu traspaiono dai solchi di questo lavoro omonimo, ma è tutto troppo snaturato. Alla fine ci troviamo innanzi a una manciata di mediocri brani prodotti da Eric Valentine (Queens Of The Stone Age, The All-American Rejects) e suonati in compagnia del bassista Chris Chaney (Jane\'s Addiction) e del batterista Josh Freese (Nine Inch Nails). Al microfono si sono alternati dei mammasantissima del calibro di Ozzy Osbourne, Lemmy, Iggy Pop, Ian Astbury e Chris Cornel. Altri nomi noti come Ferie (The Black Eyed Peas), M. Shadows dei terribili Avenged Sevenfold, Andrew Stockdale (Wolfmother), Rocco De Luca, Myles Kennedy, Adam Levine (Maroon 5) e Kid Rock. Non manca neanche la rimpatriata con ex compagni del periodo tutto Rose e Pistole, Duff McKagan appare nel brano “Watch This” ( in compagnia di Dave Grohl). Come già detto, brani capolavoro non ce ne sono, nella mediocrità si salvano “Doctor Alibi” (Lemmy), la zeppeliana “By The Sword” (Andrew Stockdale), “Watch This” (unico brano strumentale, e forse per questo è l’unico in cui traspare il vero Slash) e la conclusiva “We\'re All Gonna Die” (Iggy Pop). Sfruttata male la comparsata di Ozzy, non puoi usare la voce del “Mad Man” per un brano del genere! E’ come usare l’uccello solo per pisciare: ti tieni la parte utile e togli quella piacevole… Sono certo che due o tre video da dare in pasto alla MTv questo album li contenga, speriamo almeno che nel lotto sia compreso anche quello tratto da “Beautiful Dangerous”, il brano è ignobile ma Fergie è sempre bella da guardare. Alla luce di questo Slash e di Chinese Democracy, non ci resta che attendere che Slash e Axel rispondano al richiamo del portafogli e ritornino così insieme nei Guns. Tanto lo sappiamo tutti che primo poi lo faranno…
Voto: 5,5/10
g.f.cassatella

Contact
www.myspace.com/slash
<<< indietro


   
Disequazione
"Progressiva Desolazione Urbana"
Labyrinth
"Architecture Of A God"
Uneven Structure
"La Partition"
Full Leather Jackets
"Forgiveness: Sold Out"
The Sade
"Grave"
The Charm The Fury
"The Sick, Dumb and Happy"
Zora
"Scream Your Hate"
LoboLoto
"Even The Stones Fall"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild