Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - - Ă - '





Reviews - Skanners
:: Skanners - Flagellum dei - (Underground symphoy - 2002
Ne è passato di tempo dall\'acerbo ma bello Dirty Armada (1986) e dall\'ottimo Pictures of War (1988), entrambi pubblicati dalla CGD, che non era poco per l\'epoca; successivamente, i nostri, dopo un po\' di anni tornarono con un paio di lavori (The Magic Square del \'94 e Skanners Live del \'96) che purtroppo rimasero nell\'ombra.
Nel 2002, il ritorno (e speriamo definitivo) con Flagellum Dei, un disco che convince ascolto dopo ascolto e che non mancherà di catturare nuovi proseliti alla band.
Da premettere comunque, che il sottoscritto sia rimasto ancorato ai primi due albums (non conoscendo i due lavori degli anni \'90), quindi in termini di novità sostanziali, c\'è da dire che i \"nuovi\" Skanners si presentano oggi con una line-up parzialmente rinnovata, infatti al fianco dei \"vecchi\" Claudio Pisoni (voce) e Fabio Tenca (chitarra), troviamo Water Unterhauser (chitarra), Renato Olivari (basso) e Jack Alemanno (batteria). Musicalmente parlando invece, non si può non notare un deciso distacco da quell\'hard rock, se vogliamo un po\' americano, che caratterizzava gli esordi, pur conservando anche in quest\'ultimo lavoro un riconoscibile trademark.
Oggi lo Skanners sound è \"tosto\" e d\'impatto, più vicino ad un heavy-power vecchio stampo, dove si preferisce essere diretti, senza perdersi in inconcludenti fronzoli.
Il cd apre subito sulla title track, potente e decisa, dal sapore epico, con dei bei riffoni metal ottimamente contrastati dalla melodica voce di Claudio Pisoni e dai sempre efficaci solos guitar di Fabio Tenca. Le seguenti \"Bllod In My Eyes\", \"Nightrider\" e \"Minister Of Fear\" sono invece costruite su una base più speed-power con tanto di doppia cassa in evidenza e ritornelli facili, semplici ma di grande presa. \"Time Of War\", la semi-ballad \"It\'s My Life\" e la conclusive \"M.P.\" sono I brani che forse si avvicinano più al passato, anche se suonate con l\'attitudine odierna. Le restanti songs, \"Beast Of Hell\" (una grande prova di maturità) e la cover degli indimenticati Ostrogoth \"Full Moon\'s Eyes\", vanno a completare un album qualitativamente ottimo per una band con tanta esperienza alle spalle che torna quasi in punta di piedi ma decisa, spero, ancora a dire la sua.
Buona fortuna, ragazzi!

R
<<< indietro


   
Le Jardin Des Bruits
"Assoluzione"
Fragore
"Asylum"
Dark Ages
"A Closer Look"
Ananda Mida
"Anodnatius"
Ars Divina
"Atto Primo"
Time Lurker
"Time Lurker"
Anno Senza Estate
"MMXVII"
Face Down Hero
"False Evidence Appearing Real"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild