Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Silvereight
:: Silvereight - Silvereight - (Toten Schwan Records - 2012)
Federico Silvi è colui il quale ha voluto, sognato e realizzato il progetto “Silvereight” (nome in codice che cela come un rebus le generalità dell’autore), un album omonimo dal carattere elettro-folk e dal lungo raggio popular, dieci tracce dall’apparente vestito informale e distaccato, impressione dovuta forse al forte impatto con il primo singolo “Stop” e alla fredda sensazione synth che ti lascia in un primo momento, sensazione apparente questa, che si svela essere una personalissima maniera di vivere e interpretare il più moderno “cantautorato”, quindi tutt’altro che musica informale… Con “Restless” l’essenza “Silvereight” è messa a nudo, folk ed elettronica coesistono all’unisono, una ballabile carica di synth e drum machine si contrappone alle pulite melodie di chitarra acustica che resta ben distinta e chiara nonostante l’irruenza compositiva. Senza trascendere troppo nel giudizio tecnico basta solo dire che la resa finale funziona: l’urgenza creativa (per l’album erano state inizialmente scritte ben quaranta tracce) ha spinto Silvi verso una sperimentazione davvero originale!
E se un pezzo intimo e raffinato come “Box”, appena appena sfiorato da segmenti synth, ha trovato la sua giusta collocazione in “Silvereight”, non stupisce un improvviso cambio di registro e stile con “Days”, chitarra che graffia e un inciso orecchiabilissimo facile da memorizzare. Tracce acustiche e melodiche come “The dreamer, the river” impreziosiscono di gran lunga l’album e servono da spartiacque per la successiva “Inside outside”, drum’n’bass essenziale come essenziale è il testo minimal in proporzione elettronica con l’inciso che ormai si aspetta, giunti a questo punto nell’ascolto dell’album, cantabile e diretto che rende il tutto particolarmente radiofonico… “The world is broken in two” è il pezzo che ho preferito di “Silvereight” e che meglio lo racconta, segue un’improvvisa intro country-blues per “Shit!” e l’effettata e un po’ sognante “New eyes”. L’album si conclude con un tono diverso da come è cominciato con “Yes, I know...”, toni tenui, atmosfere rilassate e pensanti, un pezzo che è tutto raccontato nel lunghissimo titolo consapevole e speranzoso: ascoltandolo si ha come l’impressione di assistere a un bel tramonto dopo una giornata piuttosto singolare!
sara centaro
voto: 7/10

Contact:
www.facebook.com/pages/Silvereight
<<< indietro


   
Grimgotts
"Lions of the Sea"
Detest
"The End of All Ends"
Vessel of Light
"Vessel of Light"
The Kinn-ocks
"The Kinn-ocks"
Black Hole
"Evil In The Dark"
Ancient Empire
"The Tower"
Destruction
"Thrash Anthems II"
Niamh
"Corax"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2017
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild