Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Ć - '





Reviews - Silent Memorial
:: Silent Memorial - Cosmic Handball - (Limb – 2009)
Ancora??????........E’ stato questo il mio primo pensiero quando ho visto i Silent Memorial tra i gruppi da recensire con una nuova uscita. Si perché dopo pochi mesi dall’uscita di “Retrospective”, secondo album della band elvetica, esce anche “Cosmic Handball”. Qualcosa però non mi quadra, questo titolo infatti l’avevo già sentito. Ecco che tutto torna: rileggendo la mia recensione precedente mi è tornato in mente che “Cosmic Handball” era il primo album, distribuito solo in Giappone. Visto il successo di “Retrospective” hanno deciso quindi di ristamparlo e di metterlo in distribuzione anche in Europa a più di dieci anni dalla sua uscita. Incredibile, mi prendo tutta la responsabilità di dire che non distribuirlo prima quest’album anche nel vecchio continente è stata una scemenza immonda. Scene prog di assoluto livello con quel filo di drammaticità che non guasta mai rendono questo album il migliore in assoluto tra i due. Partendo dalla prima traccia di introduzione strumentale che va in crescendo fino ad echeggiare nel finale le note di “O’Meditation”, che io reputo la più bella dell’album. Pezzo tipicamente prog, con un ricordo vago nel tratto iniziale ad una canzone dei Dream Theater, lascio a voi indovinare quale. Il trittico che segue adesso, cioè traccia tre, quattro e cinque hanno un filo conduttore che li lega: “Carpet Diver” ha un percorso a salire, partendo con un ritmo più leggero per poi crescere di intensità grazie ai vari assoli, per poi calare nei secondi finali solo per introdurre “Deserted Land”. Quest’ultima invece segue un percorso più soft e drammatico con i vari assoli (seguite molto bene la chitarra) che ogni volta dettano i tempi accelerando e rallentando con facilità disarmante. Invece “Falling Apart” non è altro che il finale della traccia precedente,un finale di ben 2 minuti e 54 secondi. Cambiano parzialmente registro invece “Fantasy Suit” e “Lovely Galaxy”che hanno più la fisionomia delle ballate strappa lacrime, meritano un ascolto, soprattutto la seconda, molto attento visto il sentimento espresso. Le ultime due tracce invece tornano a parlare puro prog, cervellotico e pazzoide. Non so come mai non sia stato messo in circolazione prima, ma comunque….meglio tardi che mai.
Voto:8.5/10
Christian

Contact
www.myspace.com/silentmemorial
:: Silent Memorial - Retrospective - (Limb Music – 2009)
Quando si dice “Questa band ha tredici anni di attività” si pensa a chissà quale grossa carriera hanno alle spalle e chissa gli album che hanno prodotto in tutti questi anni…e se invece vi dico che questo è appena il secondo full album? Certo, ed esce a distanza di ben dieci anni da “Cosmic Hanballs” album di debutto di questi cinque ragazzi. Anche se a dirla tutta questo è quasi un album di debutto visto che il primo non è stato distribuito in europa, comunque dopo ben dieci anni tra incisioni, re incisioni ed integrazione dei nuovi membri esce fuori quello che si può definire un più che dignitoso lavoro. Il prog metal espresso dai Silent Memorial è puro, limpido e cristallino, con suoni che vanno dai ripetuti cambi di tempi e velocità mutate dei Dream Theater al possente suono delle chitarre in stile cupo degli Evergrey. Il livello è molto alto raggiungendo l’apice alla quarta traccia con la title track di ben ventidue minuti abbondanti. Sette tracce che sfiorano i 55 minuti in puro stile prog,con suoni propriamente prog con continui e ripetuti assoli cervellotici di tastiere e chitarre, insomma un altro gruppo che qualcuno potrà criticare perché “suonano con la testa invece che col cuore”. Io di certo dico che ogni gruppo mette il cuore in ogni canzone ed in ogni album, e non per questo un pezzo di 22 minuti o più debba per forza essere senza cuore. Ognuno la pensa a modo proprio, lascio a voi ogni interpretazione sia del suddetto album che delle due righe antecedenti. Mi fermo dicendo che i Silent Memorial meritano, e meritano una chance anche se son da ascoltare bene e con attenzione.
Voto:7/10
Christian

Contact
www.myspace.com/silentmemorial
<<< indietro


   
Heir
"Au Peuple De L’Abìme"
Der Blutharsch And The Infinite Church Of The Leading Hand
"What Makes You Pray"
Fire Strike
"Slaves of Fate"
Aliante
"Forme Libere"
Unreal Terror
"The New Chapter"
Vetriolica
"Dichiarazione D’odio"
Stereo Nasty
"Twisting the Blade"
Kal-El
"Astrodoomeda"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild