Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Seventh
:: Seventh - The Herald - (Sliptrick Records - 2016)
Il progetto Seventh nasce dalle menti di Marco Tumiatti e Maximilian Goldberg, con il contributo del batterista Cesco (degli Zeit). Il disco è composto da sette brani e – come anche il nome della band riporta – tutto ruota attorno alla numerologia e magia: il sette è un numero evocativo e che si ricollega all’oscurità. Tutto in oscurità, tutto è nero… non solo il cd, ma anche tutta la copertina, il libretto! Se dovessi semplificare in poche parole la proposta sonora dei Seventh, userei senza problemi il termine Post Metal; è un sound malinconico e sperimentale, che entra direttamente nella pelle. Non ho una biografia allegata al disco, quindi ho cercato un po’ su internet, quindi vi riporto queste informazioni: “The Herald è un concept che traccia il cammino ideale di un personaggio verso l’affrancamento dai dogmi imposti dalla religione e dai limiti imposti dalla morale. Idealmente un uomo comune, il protagonista dell’album acquista piena consapevolezza di sé attraverso la scoperta del proprio “io”. La rinascita come uomo cosciente e libero lo porterà ad affidarsi solamente alla volontà per compiere le sue scelte e determinare il proprio destino. Nell’album si possono così trovare riferimenti a grandi della filosofia e della letteratura come Nietzsche, Stirner, Milton e T.S.Eliot”. Bene, come sono le tracce? Per il sottoscritto, questo è uno dei dischi da non commentare track by track, ma ve le elenco tutte: “The Apostate”; “The Desert”; “The Tower”; “The Exile”; “The Monarch”; “The Dawn”; “The Throne”. Ebbene, come vi scrivevo qualche riga sopra, il disco viaggia sui binari Post Metal, altalenandosi tra Math-Core e suoni mistici; tra voci pulite e growl; tra riff che sprigionano marciume e melodie care anche ai Deftones (band sottovalutata dal pubblico avvezzo al calderone Nu Metal)… in parole povere, “The Harold” ha un sound perfettamente plasmato, è un disco molto affascinante e sono ottime anche le sperimentazioni, praticamente è un ottimo album. Ragazzi/e, fatevi sotto!
Voto: 9/10
Giovanni Clemente

Contact
www.facebook.com/seventhofficial
<<< indietro


   
Buffalo Grillz
"Martin Burger King"
Monnalisa
"In Principio"
Overkhaos
"Beware Of Truth"
Antonio Giorgio
"Golden Metal - The Quest For The Inner Glory"
Avatarium
"Hurricanes And Halos"
Ecnephias
"The Sad Wonder of the Sun"
Antipathic
"Autonomous Mechanical Extermination"
Aurelio Follieri
"Overnight"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild