Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Seraphin
:: Seraphin - Start To Live - (Bad Land Records – 2008)
Devo ammetterlo! Non mi era mai capitata una cosa del genere prima di oggi, e non riesco a capire se è colpa dell\'età che avanza, della birra di ieri notte o di una rivolta degli elettrodomestici, ma oggi, proprio oggi, appena terminata l\'ultima nota conclusiva di questo “Start To Live” dei Seraphin, il mio lettore mi ha rivolto, con mio immenso stupore, due domande:
1- Chi diavolo sono i Seraphin?
2- Che razza di musica suonano i Seraphin?
Lo stupore di questo momento mistico è stato però disintegrato dalla mia difficoltà ad una risposta immediata ai quesiti posti! Per questo ho dovuto sacrificare un agnello vergine sull\'altare del dio Wikipedia e fare le mie ricerche opportune. Per quanto poco noto possa essere il monicker Seraphin, la mente (malata) del progetto è quella di Franz Schott, artista tedesco di grandissima esperienza e dal grande talento compositivo, alla cui bravura non corrisponde, tuttavia, una fama adeguata. Il secondo quesito posto dal mio diabolico lettore è certamente ostico, poiché il buon vecchio Franz mette tanta di quella carne al fuoco, più per dare sfogo alla sua arte culinaria che per accontentare gli ospiti al barbecue, che finisce con il creare tanti assaggini che lasciano un certo senso di incompiutezza. “Start To Live” è, certamente, un album complesso che spazia da un folk rock piuttosto introspettivo, come quello di “Der Stern”, sino ad una strizzata d\'occhio al metal più moderno con ritmi sincopati e spruzzate di sonorità gothic, come “Nothing But A Guest”, passando per citazioni alla Metallica, “Yellow Dragon”, e sferzate Grunge-Funky, “Fat Zap”. Quello Seraphin è un progetto interessante che riesce a mostrare un certo carattere ed un\'immensa personalità, malgrado l\'alto livello di eterogeneità dei pezzi, e la prima fatica discografica che sfornano, l\'album in oggetto per l\'appunto, risulta particolarmente ostico all\'ascolto, riuscendo ad essere assimilato ed apprezzato solo dopo qualche giro di lettore. E\', comunque, un album ispirato e sentito che concede il meglio di sé, quando cerca di sintetizzare e far giungere ad un accordo le diverse anime che popolano la mente di Franz, come in “Boy Soldier”, assoluto capolavoro dove malinconiche chitarre acustiche e graffianti sonorità danzano sul limbo goticheggiante che la band riesce a creare, impreziosita dalla voce di un fanciullo che ripete in maniera ossessiva “I Want To Forget”.
Consigliato a tutti coloro che vivono la musica senza pregiudizi.
7/10
R. Doronzo

Contacts:
www.seraphin.de
www.myspace.com/seraphin_music
<<< indietro


   
Buzzøøko
"Giza"
Carnera
"La Notte Della Repubblica"
The Doomsday Kingdom
"The Doomsday Kingdom"
Northway
"Small Things, True Love"
Kill Your Karma
"What Hides Behind The Sun"
L’Ira Del Baccano
"Paradox Hourglass"
Night Demon
"Darkness Remains"
Au-Dessus
"End of Chapter"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild