Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Septa
:: Septa - Sounds Like Murder - (Autoprodotto - 2016)
Septa è una band composta da quattro personaggi che propongono qualcosa al di fuori da semplici etichette: diciamo che suonano qualcosa, come dire... ‘alternativo’! E vi informo anche che i Septa arrivano da Odessa, Ucraina – quindi niente Stati Uniti o Europa occidentale. Comunque, precisiamo subito che (qui) non parliamo del solito alternative metal, bensì di un susseguirsi di sperimentazioni influenzate da generi come math-core, post-metal, progressive ed elettronica. Nella loro breve biografia, i quattro ci ricordano che nel 2013 hanno pubblicato il loro album di debutto “The Lover” prodotto da Matt Bayles, che in precedenza ha lavorato anche con Isis, Mastodon, Norma Jean. Basta ascoltare le prime due tracce (“11th Omen” e “Following”) per capire (e captare) quante siano varie le influenze di questa giovane band ucraina, (appunto) tra mathcore,elettronica e atmosfere alternative/post rock/metal. La band se la cava, sia nelle parti più pulite e sperimentali che nelle parti più grezze e metalliche – davvero buona la prestazione del cantante! I brani scorrono, tra mille sfaccettature, tra suoni moderni e atmosfere glaciali, sfiorando anche i Tool con “When There is No Time” e l’industrial con la successiva “Means, Motive and Opportunity”, per poi sfiorare i Deftones con “Narcosis”. Insomma, c’è tanta carne a cuocere in questo disco! Brani belli, che si alternano con brani un po’ ripetitivi, ma mai monotoni o scadenti; un album che renderà felici chi segue (o seguiva) i Deftones (tra le influenze più evidenti) e le sonorità più moderne – (ripeto) con suoni che variano spesso, alternando atmosfere e umori. Non sarà un disco eccezionale; non sarà il disco che farà impazzire la stampa specializzata; non sarà il disco che consacrerà i Septa nel loro genere, ma è un disco fresco, che merita di essere ascoltato per intero; merita di essere ascoltato più (e più) volte, per captarne sfumature ed influenze… e soprattutto, è un disco suonato con il cuore e non segue la moda del mercato del momento (e questo ci basta!).
Voto: 7/10
Giovanni Clemente

Contact
www.facebook.com/septaisnotaband
septa.bandcamp.com
Soundcloud.com/septaisnotaband
<<< indietro


   
Heir
"Au Peuple De L’Abìme"
Der Blutharsch And The Infinite Church Of The Leading Hand
"What Makes You Pray"
Fire Strike
"Slaves of Fate"
Aliante
"Forme Libere"
Unreal Terror
"The New Chapter"
Vetriolica
"Dichiarazione D’odio"
Stereo Nasty
"Twisting the Blade"
Kal-El
"Astrodoomeda"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild