Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Secrets Of Sin
:: Secrets Of Sin - Future Memories - (Autoprodotto - 2013)
Non c’è che dire: questa proposta teutonica datata 2013 a firma Secrets Of Sin è un prodotto molto interessante! La band si definisce “Symphonic Metal” ma è evidente come la componente sinfonica non sia che solo un aspetto (per quanto marcato e caratteristico) del combo, la cui proposta a mio avviso è spiccatamente epica nell’approccio ma con un’interpretazione piuttosto personale e moderna del genere. Sembra quasi il punto di incontro perfetto tra i Blind Guardian (di A Night At The Opera) ed i Nightwish dei bei tempi, con una forte teatralità interpretativa ed un grande gusto per la melodia.
La produzione è di buon livello così come gli arrangiamenti sono ricercati e mai banali.
I brani sono strutturati come delle suite con degli intrecci piuttosto complessi, caratterizzati da chitarre in forte evidenza, supportate da delle orchestrazioni ben elaborate (seppure le sonorità scelte per le keyboards in alcuni casi non siano proprio azzeccatissime). Grande lavoro della sezione ritmica: cattiva, precisa e puntuale. Per quanto riguarda le due voci, Cristina e Robert (quest’ultimo anche chitarrista della band tedesca) sono assolutamente complementari: suadente e sognante la prima, teatrale e crudele il secondo. Brani da segnalare: “Once Upon A Time” capace di trasportare in un’atmosfera arcaica e magica; La conclusiva “What I Am”, brano semplice e lineare con un mood malinconico ed un refrain capace di esplodere in una miriade di emozioni, nonché la tiratissima “Alive”. Peccato per la presenza di alcuni brani evidentemente riempitivi che non sono riuscito ad apprezzare come “The Joker” (malgrado la presenza assolutamente sperimentale di ottoni) e “Puppet Play”, brano che scivola via senza lasciarmi nulla. Buona prova da una band che dimostra di saper dire la sua interpretando un genere trito e ritrito in maniera assolutamente open minded e capace di prendersi anche dei rischi stilistici (in alcuni casi esagerati).
Voto: 8/10
R. Doronzo

Contact
www.secretsofsin.de
<<< indietro


   
Banana Mayor
"Primary Colors Part I: The Red"
Deflore
"Epicentre"
Where The Sun Comes Down
"Welcome"
Lo Fat Orchestra
"Neon Lights"
Eyelids
"Endless Oblivion"
Disequazione
"Progressiva Desolazione Urbana"
Labyrinth
"Architecture Of A God"
Uneven Structure
"La Partition"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild