Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Seax
:: Seax - High on Metal - (EBM Records - 2012)
Americani del New England, i Seax nascono nel 2009 con il preciso intento, a loro dire, di diffondere il metal old school in quell’area geografica. Al fine di raggiungere il pretenzioso obiettivo, autoproducono nel 2012 il loro debut “High on Metal”, subito ristampato dall’attivissima EBM. La copertina potrebbe ricordare un incubo lovecraftiano, ma i paralleli si fermano qui. E non sono neanche ricercati dai Seax, fortunatamente: gli intenti della band non appaiono rivolti alla celebrazione del Maestro di Providence (che pure giocò un ruolo chiave nel diffondere – lui sì – l’orrore nel cuore pulsante degli Stati Uniti) quanto piuttosto alla ricerca di un punto di collegamento tra la tradizione della NWOBHM e il classico proto-speed metal a stelle e strisce. L’opener “Blade of the seax” è dunque una track speed metal semplice ma di discreto effetto; peccato che il resto del disco si giochi sulle stesse due-tre coordinate qui tracciate, con il singer Carmine Blades che ricalca strenuamente le linee disegnate dalla chitarra, quasi si trattasse di una missione da perseguire a tutti i costi. Questa fastidiosa abitudine risulta la pecca più grossa di “High on Metal”, che inficia la maggior parte delle tracce rendendo quasi punk (con tutto il rispetto per il genere) “Molten Iron” e mantenendo la stessa venatura su “Carrying The Torch”, con un incedere che rivela però una certa ingenuità compositiva da parte del quartetto. A parte le linee vocali, “Livin’ above the law” ha un suono molto americano tipo Dag Nasty (con i dovuti distinguo), grazie anche al particolare uso del basso: mi chiedo quanto ciò fosse voluto…
Più che di punk, in realtà, si tratta di heavy metal ai minimi termini, con brani in generale poco efficaci tra cui spiccano, in negativo e per i motivi già citati, “Metalhead” e “Warfeast”, con d’altro canto la già citata “Livin’ above the law”, l’opener e la title-track a rappresentare gli unici spunti di sufficienza. Tornate in garage, ragazzi…
Voto: 4,5/10
Francesco Faniello

Contact:
www.seaxmetal.com
<<< indietro


   
Buffalo Grillz
"Martin Burger King"
Monnalisa
"In Principio"
Overkhaos
"Beware Of Truth"
Antonio Giorgio
"Golden Metal - The Quest For The Inner Glory"
Avatarium
"Hurricanes And Halos"
Ecnephias
"The Sad Wonder of the Sun"
Antipathic
"Autonomous Mechanical Extermination"
Aurelio Follieri
"Overnight"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild