Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Screaming Shadows
:: Screaming Shadows - Behind the mask - (Autoprodotto)
Il quintetto in questione proveniente da Sassari, propone un heavy-metal dalle linee power molto classiche di buono impatto. Il loro lavoro presenta degli ottimi pezzi quali “Leave us Here”, “I Want You to Burn”, “Another War Cry”, “The Cry of The King” e nelle rimanenti tracce sono presenti ottimi arrangiamenti. Il gruppo è affiatato e compatto visto il lavoro che ha prodotto ma, soprattutto, sono riusciti a sfornare pezzi di ottima qualità. C’è spazio anche per una struggente ballad dal titolo “Dark Shadow” dai toni languidi e riflessivi, e la penultima “Voices” è un connubio meraviglioso tra strumenti e voce, con passaggi ritmici davvero disarmanti. Bellissimo pezzo, bravissimi musicisti, ottimo album.

Ignis fatuus

Contact
Francesco Marras
Via Luna e Sole 16°, 07100 SS
Tel.:079291498, Fax: 079281018
francescomarras@hotmail.com
francesco@screamingshadows.com
www.screamingshadows.com
:: Screaming Shadows - In the name of god - (Autoprodotto)
Decisamente concordo con gli ottimi giudizi delle altre webzine su quanto concerne il lavoro di questa band insulare di Sassari, gli Screamin Shadows, autori di un heavy metal dalle venature
decisamente power/prog e influenzato anche da sonorità moderne come nel caso dei ritmi spezzati della title track. Se devo essere proprio spietato, è la prima volta che mi trovo di fronte ad una band dal sound così true metal che al contempo non risulta stancante o ripetitiva. Prendo atto, oltre delle evidenti capacità tecniche e compositive dei singoli musicisti anche il desiderio di proporre un sound abbastanza innovativo in un contesto come quello dell’heavy/power, così inflazionato e molto standard nelle sue strutture. Veramente notevole: ai soliti solos “sweepanti” e scale minori si accompagnano ottime ritmiche spezzate tipiche delle nuove tendenze del metal. In generale ci troviamo di fronte ad un lavoro decisamente dinamico e con una resa sonora da togliere il respiro. Da inserire sicuramente fra le file delle band più promettenti del metal italiano.

MURNAU

Contact
www.screamingshadows.com
francesco@screamingshadows.com
:: Screaming Shadows - Night Keeper - (Jolly Roger Records/Masterpiece - 2011)
Dalla Sardegna con furore arrivano gli Screaming Shadows con il loro terzo album “Night Keeper”, un disco che non fa prigionieri, fatto di un heavy metal suonato con tutti i crismi del genere, dominato dalle chitarre supportate da un’ottima sezione ritmica e da una voce perfetta per il genere.
Inutile stare qui a dilungarsi sulla tracklist dell’album: la maggior parte del disco è composto da canzoni dirette di breve durata sui tre/quattro minuti con ritornelli di facile presa perfetti per l’aspetto live, ogni tanto spunta qua e là un tentativo di “sperimentazione” (prendere con enormi pinze questo termine) che ho trovato molto piacevole e ben fatto (“Planet X”, “In the dawn of time”), per non parlare di “Free Again” che vede Alessandro Marras, ospite dietro il microfono, fare il verso in modo incredibilmente fedele al buon Bruce Dickinson.
Personalmente ho trovato un’unica pecca in quest’album, ovvero la lunghezza: avrei tolto ad esempio i tre brevissimi intermezzi strumentali sparsi durante l’album, che pur durando un minuto l’uno aggiungono altra carne al fuoco in un album già denso di suo. Sarebbe stato interessante magari sviluppare quei brevi frammenti all’interno di una canzone completa, proseguendo un possibile discorso di contaminazione tra heavy metal e altre influenze per esempio usando le chitarre classiche che già compaiono in “Planet X” o per l’appunto in “Angel of Darkness”, uno dei tre intermezzi, allo scopo non di snaturare il suono della band ma di arricchirlo e renderlo più personale.
Voto: 7/10
Enrico Cazzola

Contact:
www.screamingshadows.com
<<< indietro


   
Heir
"Au Peuple De L’Abìme"
Der Blutharsch And The Infinite Church Of The Leading Hand
"What Makes You Pray"
Fire Strike
"Slaves of Fate"
Aliante
"Forme Libere"
Unreal Terror
"The New Chapter"
Vetriolica
"Dichiarazione D’odio"
Stereo Nasty
"Twisting the Blade"
Kal-El
"Astrodoomeda"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild