Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Sacred Gate
:: Sacred Gate - Creators of the Downfall - (Autoprodotto - 2011)
Dalla Germania giunge il grido di battaglia dei Sacred Gate, quartetto dedito alla frangia più classica dell’HM che si affaccia al variegato mondo d’acciaio con l’ep “Creators of the Downfall”, apripista per il full length di imminente uscita “When eternity ends”. Cosa attendersi da un gruppo nato sotto l’egida del vessillo nero-rosso-oro? Esattamente quello che propongono i Sacred Gate: puro metal che unisce accuratamente le suggestioni power del cantato alle asperità di una sezione ritmica cadenzata e quadrata, con un lavoro chitarristico molto curato sia sul fronte compositivo che su quello esecutivo. E attenzione, quando cito la vituperata etichetta “power” non intendo aprire uno scenario di cori guerreschi, rimpolpati dall’onnipresente doppia cassa sparata a velocità da ritiro della patente: siamo qui dinanzi ad un combo che prende più dall’epicità statunitense che da quella della propria gloriosa tradizione, con poche e selezionate concessioni ai ben noti vizietti teutonici.
L’ep presenta tre brani in studio e tre catturati dal vivo, con la roboante title track che mostra come si possa suonare del buon epic power anche senza ricorrere agli effetti hollywoodiani appena citati, e con una “Burning wings” pregna fino al midollo di scelte solistiche simili a quelle dei Warlord.
L’incalzante “Vengeance” può ricordare i primissimi Helloween nonché i Maiden di metà anni ’80, anche grazie agli arrangiamenti per doppia chitarra dell’axeman Nicko Nikolaidis. È la volta dei tre brani live, tra cui spicca senz’altro l’anthemica “Fight for the cross... die for Jerusalem”, dotato di una linea vocale ben sostenuta da efficaci stacchi strumentali che conferiscono dinamicità alle strofe e preludono ad un ritornello memorabile. Buona la scelta di presentare una serie di inediti, non altrettanto felice la qualità audio dei live, che tuttavia non manca di mettere in evidenza il lavoro del già citato Nikolaidis, forse a scapito delle pur interessanti trame bassistiche di Peter Beckers. Inoltre, la timbrica vocale di Jim Over mostra un po’ la buccia in “The realm of hell” e “Path to glory”, forse a causa della ripetitività di due brani che non dispongono dello stesso potenziale dei precedenti, e devono basarsi sul vecchio trucchetto dell’arpeggio in entrata o in uscita per reggersi in piedi. Come sempre in questi casi, restiamo in attesa del loro debutto sulla lunga distanza per promuovere definitivamente i Sacred Gate.
Voto: 7/10
Francesco Faniello

Contact:
www.myspace.com/sacredgatemetal
<<< indietro


   
Rainbow Bridge
"Dirty Sunday"
The C. Zek Band
"Set You Free"
Buzzøøko
"Giza"
Carnera
"La Notte Della Repubblica"
The Doomsday Kingdom
"The Doomsday Kingdom"
Northway
"Small Things, True Love"
Kill Your Karma
"What Hides Behind The Sun"
L’Ira Del Baccano
"Paradox Hourglass"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild