Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Runaway Totem
:: Runaway Totem - Ai Cancelli Dell’Ombra - (Lizard Records/ Andromeda Relix - 2010)
I Runaway Totem sono una delle creature più oscure partorite dalle scena musicale italiana. Ammantati da sempre da un fascino misterioso, è quasi impossibile pensare a loro come una creatura da “concerto”. A smentire questa mia credenza arriva Ai Cancelli Dell’Ombra, album registrato al Teatro Albatros Genova nell’ormai lontano 1994. Questa uscita retrospettiva ovviamente fotografa un particolare periodo storico della band, quello antecedente alla rottura all’interno del combo, che poi avrebbe portato alla nascita dei “cugini” Universal Totem Orchestra. Tre quarti d’ora scarsi di musica per sei pezzi, tutti tratti dal primo e fenomenale Trismegisto. In particolare i brani acquistano un approccio maggiormente jazz oriented rispetto alle versioni originali, senza però perdere quel fascino esoterico che è la vera chiave di volta del progetto. In un certo qual modo questi nuovi arrangiamenti mi hanno ricordato lo space-ritual jazz di Sun Ra. Ruolo importante ricopre Ana Torres Fraile, la cui voce, a mio avviso, non è ben valorizzata dalla registrazione, mancando di spessore. Se si eccettua questo particolare la qualità dell’audio è ottima. L’album ha un incedere lento e in crescendo, che sicuramente esprime il meglio in coda con le due conclusive “Segreto Tra Le Mura” e “Trismgestio Suite”, due pezzi lunghi e dilatati, che mettono in evidenza le qualità migliori del combo. Di lì a poco la band avrebbe deciso di interrompere l’attività live e di entrare nell’ombra (da qui il titolo di questo disco), per tale motivo un lavoro come questo diventa una testimonianza fondamentale. In attesa che la compagine rimetta mano al proprio archivio e pubblichi altro materiale del passato, non mi resta che consigliarvi questa ottima testimonianza di un passato live che probabilmente non tornerà più.
Voto: 8/10
g.f.cassatella

Contact:
www.runawaytotem.com
:: Runaway Totem - Le Roi Du Monde - (Lizard Records – 2011)
Chi o cosa sono i Runaway Totem? Sono anni che mi pongo questa domanda, intanto i loro cd aumentano nella mia collezione. Per chi fa il recensore, anche se solo per diletto, come nel mio caso, ingabbiare un gruppo è essenziale. Dobbiamo necessariamente fissare dei paletti per permettere al lettore di capire se una band è degna o meno d’interesse. Poi ci sono le entità come i Runaway Totem, pronte a mandare all’aria ogni barriera stilistica, consci che le palizzate sono per il corpo e non per la mente. Le Roi Du Monde è l’ennesimo capitolo, il terzo, del ciclo 4 Elementi 5, forse il più anarchico, sicuramente quello più vicino a certa avanguardia free jazz. Il sound esoterico del combo, o forse sarebbe meglio dire orchestra, è fluido e mutaforma come non mai. Il progressive si fonde alla canzone d’autore, per trasformarsi in jazz e musica classica. Il tutto è ammantato di mistero e, perché no, da un certo fascino snob e aristocratico. A coadiuvare la band interviene una vera e propria congrega di dodici arsiti (musicisti, poeti, pittori, grafici e fotografi) racchiusi sotto la denominazione Modern Totem Ensamble. L’album è un concept incentrato sulla figura mitologica del Re Del Mondo, come lascia facilmente presagire il titolo. Certo non è difficile immaginare i Runaway Totem rintanati nel loro eremo artistico a guardare con certo distacco le cose terrene. Proprio come il mitologico signore di Argathi.
Voto: 9/10
g.f.cassatella

Contact
www.runawaytotem.com
www.lizardrecords.it
<<< indietro


   
Banana Mayor
"Primary Colors Part I: The Red"
Deflore
"Epicentre"
Where The Sun Comes Down
"Welcome"
Lo Fat Orchestra
"Neon Lights"
Eyelids
"Endless Oblivion"
Disequazione
"Progressiva Desolazione Urbana"
Labyrinth
"Architecture Of A God"
Uneven Structure
"La Partition"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild