Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Randomorder
:: Randomorder - Forbidden Knowledge - (EBM Records - 2012)
“Forbidden Knowledge” è la nuova fatica discografica dei Randomorder, band proveniente da Hobart, in Tasmania. Un bel thrash metal con suoni potenti e marcati, anche se ascoltando queste nove tracce non possiamo che ricordare bands affermate come Slayer, Testament, Overkill, tutti mostri sacri che hanno ormai detto tutto quello che c’era da dire nell’ambiente metal.
Il pericolo in cui si incorre ascoltando questi lavori è riassunto in un’unica parola: monotonia. Ed è quello che è successo in questo caso, infatti come un prestampato ogni singolo brano ha la stessa stesura all’interno della metrica. Per capirci, sette brani su nove iniziano con il quattro sul charleston, gli altri due, “Exiled” e “Forgive me for my hatred…” hanno un attacco diverso, poi abbiamo stessa strofa, stesso ritornello con il classico assolo di chitarra e poi di nuovo la strofa per poi andare a chiudere il brano.
La partenza è già dal primo brano veloce e determinata giusto per far capire di che pasta sono fatti i Randomorder, con “Desecration is your name” che denota chiare influenze Slayer sia per l’esecuzione tecnica di ogni singolo musicista sia per il timbro di voce.
Questi dettagli penalizzano un po’ la band che nonostante sia ben impostata tecnicamente pecca un po’ di originalità. Infatti, andando avanti nell’ascolto incappiamo nella traccia “Forbidden Knowledge” una leggera copia di “Angel of the Death”, si parla di leggera copia perché grazie a un intermezzo di sola voce e basso si intravede uno spiraglio di originalità che si perde quando subentrano dei buoni spunti di muri di chitarre prima e assolo sempre di chitarre dopo. Tutto ben amalgamato da una buona esecuzione di batteria. Non mancano comunque spunti melodici che spezzano un po’ l’aria pesante di “Desecration is your name”, spunti che durano il giusto senza far perdere all’ascoltatore la linea thrash metal che la band vuol “imporre”. Questo dettaglio lo troviamo in brani come “Caught the crossfire”, “The dark science”. “Forgive me for my hatred/Ghost demons” chiude il lavoro dei Randomorder, una traccia che non presenta niente di nuovo rispetto al resto già ascoltato fino ad ora se non una parte minimale intermedia dove si denotano spunti più melodici e andati uscendo per un attimo dalla zona thrash metal. Se amate il buon vecchio thrash metal vi consiglio questo lavoro, in caso contrario... !!
Voto: 7/10
Leandro Partenza

Contact
www.facebook.com/RandomorderMetal
<<< indietro


   
Banana Mayor
"Primary Colors Part I: The Red"
Deflore
"Epicentre"
Where The Sun Comes Down
"Welcome"
Lo Fat Orchestra
"Neon Lights"
Eyelids
"Endless Oblivion"
Disequazione
"Progressiva Desolazione Urbana"
Labyrinth
"Architecture Of A God"
Uneven Structure
"La Partition"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild