Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Promiscuity
:: Promiscuity - Basic Instinct - (Autoprodotto - 2013)
Ricordate i Promiscuity? La loro tape “Infernal Rock N’ Roll” è giunta in redazione poco più di un anno fa e ora il trio israeliano torna, più ispirato che mai, con questo ep dal titolo “Basic Instinct”, suonato meglio e prodotto anche di più. Un titolo che è anche e soprattutto una colta citazione della divina Sharon che ha infestato i nostri/vostri sogni negli anni ‘90? Qualcosa del genere, e la copertina è più che esplicita in questo senso, dissacratoria come non mai (alla Venom, direi… anche se la band di Newcastle aveva affidato i suoi intenti provocatori ai testi più che alle copertine) e con la “M” del logo affidata ad un paio di gambe fasciate dalle immancabili calze a rete. Non so perché, ma ho pensato ai WASP come “ispiratori morali” dello stile dei Promiscuity, anche se ovviamente stiamo parlando di una proposta musicale assolutamente non compromissoria e votata alla violenza “vintage” degli anni ’80; eh sì, il trio non smuove di una virgola la propria attitudine sonora, sfornando un ep di thrash/black suonato con una leggera punta di death’n’roll. Se permettete, mi sentirei di definirli una via di mezzo tra Venom e primissimi Metallica (non a caso, proprio le due band che infuocarono il Vecchio Continente con le Seven Dates Of Hell nel 1984), con ovvie bordate estreme di matrice frostiana (in questo contesto, si colloca più che bene la riuscita cover di “Into The Crypts Of Rays” dei Maestri svizzeri). In generale, è sicuramente grazie all’innesto alla batteria di Steel dei conterranei Sonne Adam che il livello tecnico di “Basic Instinct” appare più avanzato rispetto al demo di debutto, e di questo la band non può che beneficiare, come emerge dalla generale fluidità di tracce come “The Beauty and the Bitch” (titolo geniale!) e “Pedophile”, influenzate dal tipico black mitteleuropeo così come dal classico sound britannico: si può dire che il combo abbia decisamente alzato il tiro, sfornando riff di matrice eighties che risultano non più semplicemente aderenti alla scuola ma anche dannatamente convincenti. Chiusura con il flavour Discharge di “Maniac’s Blues”, sui cui assoli aleggia altresì la scuola di Hammett e di certa NWOBHM. Una conferma più che gradita… e ora attendiamo il debutto con un’etichetta che sappia valorizzare le qualità dei tre regressive jurassic metallers!
Voto: 7,5/10
Francesco Faniello

Contact
www.promiscuity-band.com
www.facebook.com/Promiscuity.Band
:: Promiscuity - Infernal Rock N’ Roll - (Israhellbanger Records - 2011)
Ok, lo ammetto: fa un certo effetto ricevere certi pacchetti. Specie se l’involucro in questione arriva dall’altra parte del Mar Mediterraneo, sui colori del francobollo prevalgono le tonalità di celeste, e soprattutto se c’è una Menorah in bella vista (il candelabro a sette bracci della tradizione ebraica). Sembra una storia della Francesco Laterza Productions, ma è la pura realtà: i Promiscuity vengono da Israele, sono nati nel 2010 e suonano Regressive Jurassic Metal (come loro stessi amano definirsi) nello stile della buona, vecchia e rassicurante tradizione ottantiana. Quindi, black metal ante litteram con citazioni di Venom, Sodom e dei nostrani Bulldozer a go-go, e valga qui un’ovvia considerazione. Quanto c’era della furia del punk nei padri putativi del genere è qui conservato alla perfezione, e non sarà difficile per l’ascoltatore ravvisare, tra le maglie motorheadiane della tracklist, influenze dell’hardcore più oscuro in stile Discharge.
Tre i brani presenti nella cassetta (sì, avete letto bene!) dei Promiscuity: apre le danze la title-track, sicuramente il brano più leggero del lotto, con la sua divertente introduzione e il cipiglio rock’n’roll di scuola Cronos e soci, ben sottolineato da alcune sagaci variazioni in corso d’opera. Le cose si fanno più serie con “Crime and Punishment”, introdotta dal basso infernale di Werewolf e costruita su un riff ossessivo, con il drummer Dekapitator che non indugia su velocità elevatissime, preferendo i rassicuranti dettami in quattro quarti o il semplice tupatupa della mefitica tradizione proto-death/black. Sia in questa track, sia nella successiva “Gybenhinnom” (terrificante descrizione della biblica Gehenna) è il chitarrista/cantante Butcher a tenere banco, con le sue vocals profonde e rauche. Con una terra ricca di tradizioni come quella da cui il trio proviene, era d’obbligo attendersi un brano di questo tipo, e devo dire anche che il suono primitivo e gli assoli essenziali presenti in “Infernal Rock N’ Roll” non stonano affatto con il genere proposto. A questo proposito, un’ultima curiosità: ai tempi di Headbangers Ball mandavano il video di “The Fading” degli israeliani Salem, e sulla fascia del chitarrista campeggiava una croce rovesciata; allo stesso modo, sullo sfondo delle foto promozionali dei Promiscuity campeggia un cimitero cristiano. Se pensiamo a quante volte vediamo croci e camposanti anche nei cartoni animati giapponesi, non ci viene mai il dubbio che la tradizione europea continui ad esercitare un fascino infinito presso culture anche molto diverse? Beninteso, la prossima volta voglio un Golem sullo sfondo, e un anti-Olimpo degno della fantasia di HP Lovercraft. Per tutti: non prestate ascolto ai miei vaneggiamenti, andate sul sito dei Promiscuity (il demo è integralmente disponibile in streaming) e date una possibilità a uno di quei gruppi che non conosce la parola “compromessi”. Di questi tempi, una qualità più unica che rara!
Voto: 7/10
Francesco Faniello

Contact:
www.promiscuity-band.com
www.facebook.com/Promiscuity.Band
<<< indietro


   
Dark Ages
"A Closer Look"
Ananda Mida
"Anodnatius"
Ars Divina
"Atto Primo"
Time Lurker
"Time Lurker"
Anno Senza Estate
"MMXVII"
Face Down Hero
"False Evidence Appearing Real"
LorisDalì
"Gekrisi"
Cloven Altar
"Enter The Night"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild