Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Praying Mantis
:: Praying Mantis - MetalMorphosis - 30th Anniversary Ep - (PM - 2011)
Che piacere ritrovare di tanto in tanto qualche vecchia gloria della NWBOHM!
I Praying Mantis, gruppo capitanato dai fratelli Troy, sono uno dei maggiori esponenti del vero Heavy Metal!
I Mantis non hanno avuto vita facile. Negli anni hanno cambiato innumerevoli line-up, vantando anche presenze di un certo livello, come Paul Di’Anno, Dennis Stratton, Gary Barden e Tony O’Hora… ma questo continuo via vai di personaggi non li ha comunque mai fermati! Quindi eccoli nuovamente dopo 30 anni di attività con un e.p. commemorativo, nel quale ci regalano i loro singoli più famosi ri-registrati con la formazione attuale, con un nuovo sound e una nuova anima!
Che dire di più… è inutile dare una giudizio su questo “Metalmorphosis”; brani storici come “Children Of The Earth” (pietra miliare) non hanno certo bisogno di ulteriori presentazioni. Ottimo il lavoro di restauro dei loro brani più famosi : “Praying Mantis, Lovers To Grave, Panic In The Street, Captured City e la mitica già menzionata prima Children Of The Earth”!
Tra l’altro il prezzo del cd si aggirerà intorno ai 5€, quindi se qualcuno volesse rinfrescarsi con dell\'ottimo metallo può farlo col costo modico di una birra!
Voto: s.v.
Antonio Abate

Contact
www.praying-mantis.com
:: Praying Mantis - Sanctuary - (Frontiers Records – 2009)
Nati nel 1974 su iniziativa dei fratelli Troy, i Praying Mantis con questo nuovo “Sanctuary”, edito per l’etichetta nostrana Frontiers Records, giungono alla pubblicazione del nono album in studio, facendo ritorno sul mercato discografico a sei anni di distanza dal precedente “The Journey Goes On”. Musicalmente, citando il nome dei Praying Mantis, non può altro che venire alla mente il N.W.O.B.H.M., un genere che negli anni ottanta ha dato lustro a band come Iron Maiden, Judas Priest, Saxon, Samson e via discorrendo. Andando dritti al sodo, “Sanctuary” risente del sound di quel periodo, ma nasconde la voglia della band di evolversi sia nel suono che nello stile, dove sono riscontrabili momenti molto ispirati ed una forte strizzata d’occhio all’hard rock melodico. Detto questo, “Sancutary” è un grande disco, prodotto in modo egregio e suonato magnificamente, con l’ulteriore capacità di mostrare i Praying Mantis in tutto il proprio splendore. Si parte con “In Time”, song che decolla in modo armonico fino ad esplodere in un vortice di puro dinamismo avvolgente, tra partiture di strumentali di grande metallo contaminato da linee melodiche eccelse, “Restless Heart” a seguire, è caratterizzata da ritmi entusiasmanti e da momenti intensi, profondi e fortemente passionali, in “Tears in the Rain” la band rallenta la propria rapidità d’esecuzione, adagiandosi su atmosfere dai connotati poetici, “So High” invece, spiazza per il proprio sound estremamente moderno senza mai snaturare uno stile straordinariamente ancorato agli anni ottanta, giovando del notevole contributo delle chitarre. “Turn the Tide” esalta la dimensione acustica dei Praying Mantis che rimarcano la propria propensione per l’hard rock più che per l’heavy metal, in “Touch the Rainbow” lo stile diventa notevolmente più possente e pesante, in particolare nel suono della sezione ritmica che si dimostra particolarmente incisiva, differentemente “Threshold of a Dream”, recupera uno stile più datato e pressoché tradizionale, senza rinunciare ad un sound ponderatamente moderno. “Playing God” si districa su partiture idilliache ed atmosfere statiche, dimostrandosi uno dei pezzi più coinvolgenti del disco, “Highway” si adagia su un arrangiamento curato minuziosamente, “Sanctuary” infine, racchiude l’essenza della band riassumendo le peculiarità di un disco assolutamente consigliato agli amanti di queste sonorità.
Voto: 8/10
Maurizio Mazzarella

Contact
www.praying-mantis.com
www.frontiers.it
<<< indietro


   
Buzzøøko
"Giza"
Carnera
"La Notte Della Repubblica"
The Doomsday Kingdom
"The Doomsday Kingdom"
Northway
"Small Things, True Love"
Kill Your Karma
"What Hides Behind The Sun"
L’Ira Del Baccano
"Paradox Hourglass"
Night Demon
"Darkness Remains"
Au-Dessus
"End of Chapter"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild