Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Powerwolf
:: Powerwolf - Bible Of The Beast - (Metal Blade – 2009)
Franz Beckenbauer è un esempio di classe teutonica. La Mercedes anche. I Powerwolf, no. É inutile: quando i tedeschi si mettono in testa di creare dischi maestosi, alla fine tirano fuori album pacchiani e grossolani. Se la vecchia regoletta secondo la quale il terzo album è quello della svolta, allora Bible Of The Beast non dovrebbe portare da nessuna parte i Pwerwolf. Ridondante, ripetitivo e ultrapompato. Per dirla tutta, e non per mero nazionalismo, i Rhapsody riescono a fare le stesse cose, ma in maniera migliore (ok, anche loro alla fine hanno calcato la mano). Tutti i tentativi di creare qualcosa di epico si sono tradotti in una serie di “oh” e “uh”, così numerosi da fare invidia a un album di Leone Di Lernia. Magari altrove leggerete recensioni ben più benevoli, magari avete apprezzato gli altri lavori del gruppo e questo non vi dispiacerà. Magari tante altre cose… ma a me Bible Of The Beast non è piaciuto proprio e per questo non me la sento di consigliarvelo. Avete sempre il sito della Metal Blade o il myspace ufficiale della band per ascoltare e farvi una vostra idea in merito. Per dovere di cronaca vi segnalo anche un’edizione limitata di BOTB contenente il bonus DVD, The Wacken Worship - Live At Wacken.
Voto 5/10
g.f.cassatella

Contact
www.powerwolf.net
www.myspace.com/powerwolfmetal
www.metalblade.de
:: Powerwolf - Blessed & Possessed - (Napalm Records - 2015)
Ecco finalmente l’ultimo attesissimo lavoro dei Powerwolf, Blessed &Possessed. In quest’album la band tedesca esprime saldamente la sua forza, il suo credo nel power metal arricchito da parti sinfoniche e classiche come nei precedenti lavori. Pezzo di apertura del disco è proprio la title track del medesimo, “Blessed & Possessed”, una carica esplosiva simile alla song “Amen & Attack” presente nell’album Preachers of the Night del 2013. La seconda traccia “Dead Until Dark,” invece, è caratterizzata dal riff iniziale senza dubbio identico a quello del brano “Son of a Wolf” presente nell’album del 2011 Blood of the Saints . Arriviamo quindi al primo singolo rilasciato dalla band online, ovvero la terza traccia del disco: “Army of The Night”, della quale abbiamo già anche un videoclip; totalmente diversa l’impronta compositiva che la caratterizza, un tornado di forza e determinazione espressa da Mr. Attila Dorn. La quarta traccia “Armata Strigoi” si presenta come una dolce nenia che rapisce la mente, una piccola ninna nanna in versione power, con sinfonie e arrangiamenti molto curati come del resto l’assolo che contiene. Si ritorna sulle similitudini con la quinta traccia “We Are The Wild” che si rifà alla song “Sacred & Wild” dell’album del 2013 citato prima. La sesta, invece, contiene riff simili alla song “In the Name of God” presente sempre nell’album del 2013. La settima “Christ & Combat” ha dei riferimenti in alcune parti a “Dead Boys Don’t Cry “presente nell’album del 2011 citato sopra e contiene finalmente un mini assolo di basso, cosa rarissima o meglio assente nei lavori precedenti. Ed eccoci arrivati alla canzone numero otto del disco, secondo me la più evocativa: “Sanctus Dominus”. Cantata interamente in latino, la traccia, suggestiva e particolare, esprime tutta la passione che la band tedesca emana, secondo il mio punto di vista è un capolavoro. “Sacramental Sister”, la nona traccia, ti trasporta in luoghi sacri con sinfonie corpose e lineari. Anche qui troviamo riferimenti, seppur minimi stavolta, ai loro lavori precedenti. In questo caso specifico la song ci riporta a pensare a uno, se non il principale cavallo di battaglia della band, ossia “Sanctified with Dynamite” del 2011. Infine troviamo “Let There Be Night”, che chiude il disco con una potenza, ed eleganza assoluta in pieno stile Powerwolf. Il pezzo mette il sigillo su quest’album caratterizzato evidentemente da fin troppe similitudini rispetto ai loro vecchi album. Questo nulla toglie alla maturazione della band tedesca, la quale sta bruciando tappe importanti con il suo sound inimitabile.
Voto: 7/10
Grezz

Contact
www.powerwolf.net
<<< indietro


   
Heir
"Au Peuple De L’Abìme"
Der Blutharsch And The Infinite Church Of The Leading Hand
"What Makes You Pray"
Fire Strike
"Slaves of Fate"
Aliante
"Forme Libere"
Unreal Terror
"The New Chapter"
Vetriolica
"Dichiarazione D’odio"
Stereo Nasty
"Twisting the Blade"
Kal-El
"Astrodoomeda"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild