Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Post Fata Resurgo
:: Post Fata Resurgo - Il futuro è già passato - (Agipunk – 2010)
Prima di iniziare, due parole sul supporto audio. Ricevere un disco in vinile (per di più apribile, e con copertina disegnata da Amedeo, batterista del gruppo) di questi tempi è cosa sempre più rara, e non può che suscitare la mia incondizionata approvazione. Soprattutto se il contenuto è del tutto conforme alle aspettative. Veterani della scena crust-hc con un certo numero di progetti precedenti e paralleli, i Post Fata Resurgo giungono al disco dopo il 7” split con i Mithra del 2009, e dopo 5 anni di attività, che nel loro caso significa sbattersi per concerti in tutta Europa, secondo la filosofia del DIY. Crust cantato in italiano, e fortemente influenzato dal metal, genere ormai sdoganato negli ambienti DIY in vista della nascita di un nuovo crossover. Eh sì: perché dai tempi dei Suicidal Tendencies prima, e dei Madball poi, la contrapposizione tra i due universi, quello punk e quello metal, è stata un’invenzione giornalistica e il credo di qualche bigotto più che una realtà di fatto. Hardcore è un concetto che vive in una filosofia da cui passano un certo tipo di testi e una certa attitudine in generale, non la successione di accordi in un brano. Ma veniamo ai Post Fata Resurgo. Sette sono le tracce che compongono “Il futuro è gia passato”: si passa dalla title track, che appare una rilettura dei Peggio Punx nel 2010, agli stacchi di prepotente rifferama di “Oltre”, fino a “Volando Voy”, vera perla dell’album, con il suo incedere cadenzato a partire da un arpeggio poi doppiato da un bel riff di chitarra che sembra partorito da Michael Amott degli Arch Enemy in jam session con i Tragedy! La voce del singer Claudio aggiunge valore al tutto: cupa e profonda senza per questo risultare incomprensibile e ridondante nel solito growl. La conclusiva “Dove soffia il vento” è un lamento disperato che si sviluppa in una prima parte cadenzata e molto espressiva fino al break centrale in cui la band recupera il tiro veloce, doppia le chitarre e fa sentire tutta la sua potenza. Non c’è che dire, una delle migliori produzioni di questo genere ascoltate di questi tempi. Andate a vederli dal vivo appena suonano dalle vostre parti!
Voto: 8,5/10
Francesco Faniello

Contact
www.myspace.com/postfata
<<< indietro


   
Dark Ages
"A Closer Look"
Ananda Mida
"Anodnatius"
Ars Divina
"Atto Primo"
Time Lurker
"Time Lurker"
Anno Senza Estate
"MMXVII"
Face Down Hero
"False Evidence Appearing Real"
LorisDalì
"Gekrisi"
Cloven Altar
"Enter The Night"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild