Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Pest
:: Pest - Rest in morbid darkness - (Season of Mist – 2008)
Ha ancora senso nel 2008 pubblicare un album di black metal sporco e primitivo come accadeva nei primissimi anni ’90, quando il mercato fu invaso dai debutti di band poi diventate celebri quali i Mayhem, i Satyricon, gli Immortal, gli Emperor, i Darkthrone? Secondo gli svedesi Pest sì. Questa band, attiva ormai da un decennio, si propone di rinverdire i fasti del black metal ruvido e grezzo, quello suonato e registrato in cantina e le cui liriche sono intrise di satanismo da quattro soldi, come si può benissimo intuire dai titoli delle 9 songs presenti su questo ”Rest In Morbid Darkness”. Il problema è che la scena black in tutti questi anni s’è evoluta verso ben altre direzioni: Dimmu Borgir e Limbonic Art hanno introdotto arrangiamenti sinfonici per dotare di maggior spessore la loro musica diabolica, Satyricon ed Emperor hanno ispessito e modernizzato il loro sound, mentre i Darkthrone hanno rivitalizzato la loro proposta recuperando la freschezza e la ribellione del punk’n’roll. I Pest invece sono reazionari e coerenti sino all’osso, nulla li potrebbe convincere ad abbandonare il loro nero credo e a produrre musica più innovativa ed attuale. Non che questo sia un male a prescindere, se almeno il cd non fosse monotono. Infatti, dopo una partenza col botto con la anthemica “Possesed By The Beast”, che inconsciamente vi ritroverete a cantare anche sotto la doccia e che, per inciso, da sola fa guadagnare all’intero album la sufficienza, il disco si spegne in un perenne susseguirsi di rauche bestemmie e di riff al vetriolo mai troppo coinvolgenti. Ovviamente, se siete grandi estimatori della scena black primigenia, potete benissimo capovolgere il giudizio sottostante ed considerare quest’album degno di un bel 9, altrimenti, se cercate qualcosa di differente dal solito thrash-black trito e ritrito, state ben lontani da “Rest In Morbid Darkness”!

Track list:

1) Possesed By The Beast
2) Nights In The Cursed Chapel
3) Blessed By Hellfire
4) Rest In Morbid Darkness
5) Bestial Crucifixion
6) Vomit Up The Blood Of Jesus
7) Shadows Of The Dead
8) Final Strike Of Doom
9) The Lust Of Cruelty

Voto: 6/10

Contact
www.pest.se

Marco Cramarossa
<<< indietro


   
Buffalo Grillz
"Martin Burger King"
Monnalisa
"In Principio"
Overkhaos
"Beware Of Truth"
Antonio Giorgio
"Golden Metal - The Quest For The Inner Glory"
Avatarium
"Hurricanes And Halos"
Ecnephias
"The Sad Wonder of the Sun"
Antipathic
"Autonomous Mechanical Extermination"
Aurelio Follieri
"Overnight"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild