Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Panikk
:: Panikk - Unbearable Conditions - (Metal Tank Records - 2013)
Uscita settimanale dedicata al thrash, e non potrebbe essere altrimenti dato il fiorire di produzioni in questo genere in questo campo. O lo spuntare come funghi, diranno i più maligni tra voi. Per la verità, la prima cosa che mi ha colpito degli sloveni Panikk non è solo l’essere parte di una scena thrash nata ad una manciata di chilometri dal Bel Paese (e di cui ignoravo l’esistenza) ma anche il fatto di essere prodotti da un’attivissima etichetta locale, la Metal Tank. Segno ulteriore che anche nei centri periferici si possono trovare realtà non solo attivissime ma anche molto professionali, e la qualità di registrazione di questo disco ne è testimonianza.
Sull’abilità della band di riprodurre gli stilemi del passato ci sarebbe tanto da dire, ma anche questa non è una novità quando si parla di nuove leve, e in alcuni casi rappresenta piuttosto un demerito. Diciamo piuttosto che il quartetto di Ljubljana segue quel filone di thrash scuola Bay Area di cui sono espressione Exodus e Forbidden senza dimenticarsi di pagare il giusto tributo all’immediatezza tipica della East Coast. In questo senso, echi di Anthrax e Nuclear Assault possono essere trovati nelle pieghe della macchina da guerra dei Panikk, soprattutto quando ci si sofferma sull’uso dei cori e sull’onnipresenza del tupatupa nelle strofe di “Unbearable Conditions”. Ciò che conta è che la band si serve al meglio dell’enciclopedia del sound nato a Frisco per scrivere tracks variegate come “Messiah of decay”, “Cruel world” o lo strumentale “Away from reality”. E perché no, non manca di riaffermare le proprie origini nelle atmosfere orientaleggianti dell’intermezzo “Revelation of truth”. Ve la dirò tutta, il disco non è immune da momenti di stanca, ed ecco perché preferisco le band che tengono a mente la regola d’oro per cui il thrash ha avuto effetto dirompente quando faceva della brevità la propria bandiera; comunque sia, plaudo all’entusiasmo dei Panikk e alla convincente timbrica vocale del loro chitarrista/cantante Gašper Flere, sperando di vedere presto il combo all’opera dalle nostre parti!
Voto: 7/10
Francesco Faniello

Contact:
www.facebook.com/panikkofficial
<<< indietro


   
I Sileni
"Rubbish"
Prong
"Zero Days"
Paradise Lost
"Medusa"
Straight Opposition
"The Fury From The Coast"
Blind Guardian
"Live Beyond The Spheres"
Mother Nature
"Double Deal"
Numenor
"Chronicles From The Realm Beyond"
Beny Conte
"Il ferro e le muse"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild