Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - On A Bridge Of Dust
:: On A Bridge Of Dust - Facing the opposite - (Autoprodotto - 2013)
Disco uscito già nel 2011, ma riemerso agli “onori” grazie all’interesse della Atomic Stuff, responsabile della promozione e distribuzione degli On A Bridge Of Dust. Eccoci dunque nel 2013, e alla ristampa di “Facing the opposite”, full length di debutto della band veronese. Diciamo subito che il disco presenta più di uno spunto di interesse, intriso com’è di melodie inconsuete supportate da un tappeto sonoro in continua ricerca di soluzioni “alternative”: se l’attacco di “Recurring Fault” sulle prime mi ha ricordato i King Crimson dell’era Belew, certo è che non mi sbagliavo di molto, vista la passione dei nostri per un certo sound figlio di Tool/A Perfect Circle e diretto discendente di quanto prodotto da Fripp e soci negli anni ‘80 e ‘90. “Consumed” insegue le melodie catchy tipiche del nu metal di Linkin Park e soci ma lo fa con classe, con la band che beneficia di un raddoppio di voci e chitarre che raggiunge il suo compimento su “Barren Moor”. In generale, il lavoro di cesello di Bertolini e Pasetto (entrambi chitarristi nonché cantanti) funge da pilastro ad un progetto in cui le influenze prog e tooliane stridono fortemente con la durata delle singole tracce, asservite alla forma canzone e ad una continua ricerca della linea vocale “ad effetto” in senso neogrunge. Una ricerca che non è certo un male, seppure bisogna giungere alla traccia numero sei, “A Fool’s Hope”, per assistere alle prime variazioni sul tema di melodie malinconiche che permea l’intero disco, e in effetti siamo dinanzi ad una delle tracce più riuscite del lotto. Concluderei invitando la band a mettere sempre più in evidenza le qualità compositive che già emergono nei pochi passaggi strumentali sinora inclusi, nonché ad inserire momenti più graffianti nelle composizioni future, in modo da alternare la propria formula tipicamente “vellutata” al giusto apporto di energia (ehm, so che detta così sembra una ricetta di cucina, ma non lo è…).
Voto: 7,5/10
Francesco Faniello

Contact:
www.facebook.com/pages/On-a-Bridge-of-Dust/46369511119
<<< indietro


   
Gravesite
"Neverending Trail Of Skulls"
Accept
"The Rise Of Chaos"
Thunder Godzilla
"Thunder Godzilla"
Circus Nebula
"Circus Nebula"
Buffalo Grillz
"Martin Burger King"
Monnalisa
"In Principio"
Overkhaos
"Beware Of Truth"
Antonio Giorgio
"Golden Metal - The Quest For The Inner Glory"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild