Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Oceano
:: Oceano - Dephts - (Earache – 2009)
Finalmente un bel dischetto di Death metal tecnico, il primo di questo 2009, ed arriva dall’America: gli Oceano infatti sono quattro pasciuti ragazzotti provenienti da Chicago, appena messi sotto contratto dalla Earache, che anche sta volta pare aver colpito nel segno. “Dephts” è un lavoro che oserei definire sincretistico, in cui si possono ritrovare tutte le filosofie e le tendenze della musica estrema statunitense degli ultimi vent’anni, ossia il brutal di Suffocation e Cannibal Corpse, il grind ultratecnico e schizofrenico di Dying Foetus e Cephalic Carnage e per finire anche le ossessive e claustrofobiche atmosfere del post-core di band quali Isis. Gettate tutti questi stili musicali nel pentolone e, sorprendentemente, otterrete non un album raffazzonato e caotico, bensì un lavoro organico ed intellettualmente stimolante, in cui l’elevata abilità tecnica dei quattro musicisti e un’ottima opera di mixaggio e produzione fanno da collante alle diverse componenti del sound degli Oceano. “Dephts” non è certamente un disco facile da metabolizzare, richiede senza dubbio più e più ascolti per poter essere gustato appieno, ma una volta scoperti tutti i piccoli, piacevoli dettagli sonori, farete molta, molta a fatica a toglierlo dal vostro lettore cd. L’evoluzione del death metal prosegue incessante, e gli Oceano, assieme a tante altre giovani band, rappresentano una delle possibili direzioni in cui s’incanalerà questo sviluppo, una direzione che potrà probabilmente non piacere ai puristi del genere, coloro per cui allontanarsi dai solchi tracciati da Death e Morbid Angel significa alto tradimento, tuttavia questa nuova visione del Death metal, più alienante, claustrofobica e sì, anche contaminata dalla furia del post-core, è certamente interessante e degna di rispetto.
Voto: 7.5/10
Marco Cramarossa

Contact
www.myspace.com/xoceano
<<< indietro


   
Amorphis
"Queen of Time"
Daylight Silence
"Threshold of Time"
Rocka Rollas
"Celtic Kings"
Desert Wizards
"Beyond the Gates of the Cosmic Kingdom"
Urban Steam
"Under Concrete"
Il Cerchio D’Oro
"Il Fuoco Sotto La Cenere"
Anthrax
"Kings Among Scotland"
Nirnaeth
"The Extinction Generation"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2018
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info


admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Privacy | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild