Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Nunfuckritual
:: Nunfuckritual - In Bondage To The Serpent - (Debemur Morti – 2011)
Sarò onesto, il titolo simil nunsploitation, degno di un Joe D’Amato in stato di grazia, mi aveva tratto in inganno. Avevo inserito questo In Bondage To The Serpent nel mio stereo con poca fiducia, convinto com’ero che mi sarei trovato innanzi ai soliti ragazzotti con smanie di apparire i più grandi cattivoni dell’universo. Però sin dalle prime note di “Theotokos” ho capito che avevo a che fare con gente seria e preparata. Così mi sono lasciato prendere dall’entusiasmo man mano che il disco andava avanti. Finito il primo ascolto, come d’abitudine ho raccattato le note promozionali inviatemi dalla Debemur Murti (le leggo sempre dopo aver ascoltato il disco per non farmi influenzare), e cosa scopro? Che dietro questo assurdo monicker si nascondono Teloch (Nidingr, Mayhem), Espen T. Hangård (Altaar), Andreas Johnson (Tyrant) e, soprattutto, il mio amato Dan Lilker (Nuclear Assault, Brutal Truth). Con gente così non si scherza! E quando c’è quel pazzoide di Dan, si può andare sul sicuro. I Nuns ci regalano un disco di old school black metal registrato tra Norvegia e Stati Uniti, anche se l’influenza del sound “tradizionale” proveniente dal paese scandinavo non è predominate. Sembra, infatti, di ascoltare un disco del periodo di transito dal vecchio black (quello dei Sodom e Celtic Frost) a quello inteso nella concezione moderna (Dark Throne, Mayhem). La struttura dei brani è semplice e scarna, ma nonostante ciò, riesce a creare un universo malefico, malsano e con un tocco di poesia decadente. Quando poi la band si lascia trasportare su atmosfere al limite del doom, mi ritornano alla mente i grandiosi Doomstone! Non mancano neanche le ospitate illustri, nel brano “Komodo Dragon, Mother Queen” troviamo Attila Csihar e Ravn. Un album grandioso, scritto da gente che sa fare il proprio mestiere. L’auspicio è che questo lavoro non resti un caso isolato, ma che rappresenti l’inizio di un progetto duraturo! E ora non mi resta che riguardare l’intramontabile Immagini di un Convento…
Voto: 8/10
g.f.cassatella

Contact
www.debemur-morti.com
<<< indietro


   
Dark Ages
"A Closer Look"
Ananda Mida
"Anodnatius"
Ars Divina
"Atto Primo"
Time Lurker
"Time Lurker"
Anno Senza Estate
"MMXVII"
Face Down Hero
"False Evidence Appearing Real"
LorisDalì
"Gekrisi"
Cloven Altar
"Enter The Night"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild