Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Numenor
:: Numenor - Colossal Darkness - (Stygian Crypt Productions - 2013)
Questa band arriva dalla Serbia, con un passato a nome Esgaroth; dopo un periodo embrionico (?) e ben quattro EP (uno con il vecchio nome), vede il leader Despot (Marko Miranovic) prendere le redini e formare una nuova band (nel 2009) a nome Numenor. Così, finalmente pubblica il primo full-length con la russa Stygian Crypt Prod. La musica proposta è Symphonic/Epic Black Metal, e secondo l’etichetta russa il disco piacerà ai fan di Dimmu Borgir, Bal-Sagoth, Summoning, Wintersun, Ensiferum, Moonsorrow. Lo sfondo musicale di “Colossal…” è epico e drammatico, e nelle otto tracce affronterete brani diretti e con atmosfere mistiche e oscure. Le liriche di “Colossal…” sono ispirate dalla letteratura fantasy di J.J.R. Tolkien, M. Moorcock, R.E. Howard. Andiamo al disco, che inizia con “Opus Draconis” (come l’omonimo Ep del 2011) – è un’intro strumentale, vicina all’Epic Power Metal (di stampo europeo); poi si passa subito a “The Eternal Champion”, dove la voce di Despot si alterna tra stile power e black: provate ad immaginare i Domine (le melodie sono molto vicine alla band nostrana) che alternano i loro brani con un cantante black metal! Il disco segue un po’ troppo questa scia, a parte (si fa per dire) nell’ultima canzone (“The Sailor on the Sea of Fate”) che regala leggeri accenni alla “Tubular Bells”… sicuramente non è un album per i ‘puristi’ delle sonorità più grezze e blasfeme del Black Metal, ma posso consigliare “Colossal…” a chi ha apprezzato l’apertura mentale delle band sopracitate o a chi cerca qualcosa di differente dai cliché del Power Metal. Per me, “Colossal…” è troppo pomposo, e difficilmente si arriva a fine disco, anche dopo ripetuti ascolti; nel 2014 è previsto un nuovo album, e speriamo che la band ‘alleggerisca’ le sinfonie a favore di suoni più duri. Alla fine, il disco è quasi carino e come prima prova… sufficienza!
Voto: 6/10
Giovanni Clemente

Contact
www.numenor-band.net
:: Numenor - Sword and Sorcery - (StormSpell Records - 2015)
A distanza di due anni, torna la symphonic black power metal serba Numenor, nostra vecchia conoscenza che in precedenza era sotto l’egida della Stygian Crypt Records! “Sword and Sorcery” è il loro secondo episodio, nel quale nuovamente non rinnegano le influenze di Summoning e/o Bal Sagoth, etc… senza per questo trascurare l’amore per il power metal sinfonico; esattamente come non rinnegano l’ispirazione dalla letteratura fantasy di Tolkien & Co. Bene, dopo l’intro è “Dragonheart” (beh… lo so, è un titolo banale e abusato da centinaia di band) che apre le danze con le sonorità appena citate, con l’aiuto di una voce femminile – ma con uno stile che ricorda moltissimo i nostrani Rhapsody of Fire (growl a parte). “The Arcanist” è il sequel di “The Alchemist”, brano presente nel primo disco, e qui il sound si fa più ‘oscuro’, grazie al supporto delle tastiere e della voce; “Dragon of Erebor” è densa di momenti epici, su base (musicale) power metal. Infine, per citarne ancora, “Sleeping Sorceress” è la traccia più lunga dell’intero disco, un pezzo che chiude e riassume le idee e le ispirazioni della band serba. Come dicevo per il primo disco, anche “Sword and Sorcery” non è un album per i ‘puristi’ delle sonorità grezze e blasfeme che hanno reso il black metal un sottogenere di nicchia, ma rispetto a “Colossal Darkness” il disco scorre con più facilità, sono migliorate le atmosfere e le melodie – anche se l’originalità lascia ancora a desiderare, soprattutto sul versante power metal. Consiglio questo platter a chi non ha pregiudizi per questa miscela tra symphonic black e power metal. Bravi ragazzi, un passo alla volta!
Voto: 6,5/10
Giovanni Clemente

Contact
www.numenor-band.net
<<< indietro


   
Buffalo Grillz
"Martin Burger King"
Monnalisa
"In Principio"
Overkhaos
"Beware Of Truth"
Antonio Giorgio
"Golden Metal - The Quest For The Inner Glory"
Avatarium
"Hurricanes And Halos"
Ecnephias
"The Sad Wonder of the Sun"
Antipathic
"Autonomous Mechanical Extermination"
Aurelio Follieri
"Overnight"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild