Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Nevrorea
:: Nevrorea - Diva - (Suburban Sky Records / Red Cat - 2018)
Nevrorea è una giovane band che nasce a Firenze nell’inverno del 2016; il nucleo è composto da pochi elementi come basso, batteria e chitarra/voce, che iniziano da subito a lavorare su brani inediti, sperimentando con la scuola punk rock (Nirvana), la scena alternativa (Verdena) e la scena moderna (come Radiohead). Registrano il disco nel 2017, sotto la produzione di Leonardo Magnolfi presso l’EL SOP Recording Studio; il lavoro uscirà ufficialmente nell’autunno 2018. “Diva nasce dal cemento della città, così aliena e persa in ciò che la circonda, eppure così cosciente. Parte dell’io più intima, di un esistere che si fa cuore, carne e ossa, parte di noi che la vediamo correre senza una meta, senza andare da nessuna parte, confusa e impaurita, ma non si controlla, la si vive e basta”. Sono bastati pochi secondi di “Diva” (la title-track) e di “Revolver” per rinvenire tra le atmosfere i primi Verdena. Ma partiamo dal principio: “Diva” inizia con “Impulsiva (intro)” una breve introduzione interamente strumentale che subito dà spazio a “Prova a prendermi”, un brano che riporta al 1999 e all’esordio discografico dei già citati Verdena (anche per via della voce di Cosimo Bitossi)… e se “Diva” è la “Valvonauta” del 2018, “Calliope” e “Super ego” possono invece essere “Dentro Sharon” e “Vera”, sempre aggiornate al 2018? Il resto è sempre sulla stessa intensità e atmosfera, con parti più dure che si intervallano e duellano con alcune melodie un po’ ruffiane, ma abbastanza efficaci. A chiudere il disco ci pensa “Nacht (outro)”, un breve brano sperimentale che però non tradisce le atmosfere proposte e l’identità della giovane band. “Perché niente dentro di noi muore o finisce per davvero e perché l’evoluzione inizia solo nel momento in cui come lei, ci perdiamo completamente dentro noi stessi, per trovare le strade che non ci feriranno mai quanto quelle così inutilmente comode, consumate da tutti”. Ebbene sì, i Nevrorea devono maturare e allontanarsi dalle strade comode, soprattutto quelle consumate da altri! Anche se ci sono quasi venti anni di differenza con l’esordio dei Verdena, apprezzo più queste sonorità rispetto alle tante uscite “moderne” della cosiddetta scena indie (con una miriade di band e/o cantanti solisti tutti uguali e monotoni). E se “Diva” non farà gridare al miracolo, sarà di certo gradito a tutti gli amanti dei Verdena e di quel sound che li ha resi “popolari” – certo, la strada è lunga, ma “Diva vive dentro di voi, amatela e abbiate cura di lei”… alla prossima ragazzi!
Voto: 6,5/10
Giovanni Clemente

Contact
www.facebook.com/Nevrorea
<<< indietro


   
Wyatt Earp
"Wyatt Earp"
Finister
"Please, Take your Time"
Magar
"Capolinea"
Akroterion
"Decay Of Civilization"
Zippo
"Ode To Maximum (reissue)"
Nevrorea
"Diva"
Albert Marshall
"Speakeasy"
Enio Nicolini
"Live Heavy Sharing Vinile Release"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2018
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info


admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Privacy | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild