Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Mydrasi
:: Mydrasi - Mydrasi - (Iron Tyrant - 2005 )
Finalmente mi trovo a recensire questo fantastico gruppo, I Midryasi, per l’appunto, band italiana del varesotto, giunto alla pubblicazione del loro primo album per la nostrana Iron Tyrant.
I Midryasi, forse ai molti sconosciuti, presentano tra le loro file ex-membri di Agarthi/Fiurach, Deathraid, Hatred, Necroflesh, lo stesso Convulsion suona attualmente nei Doomsword; quindi una band che presenta musicisti non alla loro prima esperienza, ma anzi dei musicisti con i cosiddetti…. preparati ed esperti. I nostri tre impavidi, infatti, arrivano alla pubblicazione di questo disco, inizialmente autoprodotto, curato in tutti i minimi particolari dopo molta costanza, pazienza e dedizione. Quello che ho tra le mani è un prodotto validissimo, subito si capisce dalle prime note della prima canzone “Hypnopriest” dove l’influenza dei mitici Pentagram (Us), la fa da padrone, il disco segue con “Acid Darkness” un puro concentrato di stoner-doom con chiari rimandi ai quei mostri sacri dei Black Sabbath. Il disco continua con la Profound e Instru-Mental, la prima una canzone strumentale solo con chitarra acustica dove l’ascoltatore è trasportato verso terre bellissime quali possono essere il Messico e l’America Latina in generale, la seconda invece è una chiara song sempre strumentale che sicuramente, per il suo ritmo adrenalico è capace di scatenare forse la parte più veloce dei Midryasi. “Clong” invece è una song totalmente doom che ricorda forse la parte più acida degli Electric Wizard/Black Sabbath anche con reminescenze Saint Vitus. Seguono in successione “Stalag” e “Center of Thunderrrr” song particolarmente d’atmosfera sempre in stile Pentagram, con la voce acida e tenebrosa di Convulsion..
Il disco si chiude con “Esioh Mann Szaghae”, “Cornocembalus….Shut up and Fly..” dove si può sentire la parte più psichedelica dei Midryasi, con chiare influenze Pink Floyd, ma che dei mitici gruppi degli anni’70 come Velvet Underground, Bob Dylan, Deep purple e via dicendo…queste due ultime song malate e atmosferiche al punto giusto capaci di trascinare l’ascoltatore verso dimensioni sconosciute o leggendarie..l’ultima song Cornocembalus, infatti, significa “stai zitto e vola…”
Questi Midryasi mi hanno veramente entusiasmato, il prodotto che ci offrono è veramente bello, sia a livello di produzione, di suoni e di libretto del cd, con disegni fatti dallo stesso Convulsion (You Rule…), sicuramente un prodotto consigliato a tutti gli amanti di gruppi come Cathedral, Electric Wizard, Pentagram, Pagan Altar, Witchfinder General… ma anche per gli amanti della musica degli anni’70 in generale come Pink Floyd, Led Zeppelin, Deep Purple.
Voto più che positivo, non vedo l’ora di ascoltare qualcosa di nuovo, sperando nel minor tempo possibile, grandi ragazzi continuate così….

Contatti:
Midryasi@libero.it
www.irontyrant.net
<<< indietro


   
Fire Strike
"Slaves of Fate"
Aliante
"Forme Libere"
Unreal Terror
"The New Chapter"
Vetriolica
"Dichiarazione D’odio"
Stereo Nasty
"Twisting the Blade"
Kal-El
"Astrodoomeda"
Die! Die! Die!
"Charm. Offensive"
I Sileni
"Rubbish"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild