Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Motherkissers
:: Motherkissers - Cage the water - (Memorial Records - 2014)
I Motherkissers sono una band milanese attiva dal 2011, che giunge con questo “Cage the water” al debutto sulla lunga distanza, dopo l’ep “Lost in a paradox” uscito nell’anno scorso. Suonano Nu Metal nel più puro stile a stelle e strisce, sospeso a metà tra la ricerca melodica e le ritmiche pesanti come macigni, figlie di decenni di evoluzione sonora. So già che siete tutti qui ad attendervi il mio anatema nei loro confronti, ma stavolta non è così. Complice una straordinaria capacità di sintesi (e nel loro genere la pleonasticità è spesso di casa) e soprattutto un grande cantante (attenzione, ho detto “grande” per un gruppo di Nu Metal… quindi lo è davvero), i Motherkissers tirano fuori un dischetto niente male, denso di riferimenti ai primi vagiti di quella che è per antonomasia la frangia amata/odiata del metallo, ma dedito alla ricerca di un approccio personale. E anche se questo non arriva spessissimo, pazienza: con “Cage the water” il quartetto lombardo dimostra di saper spaccare i culi, e di saperlo fare con eleganza (va bene, basta con le metafore…), perciò non chiedete di più! Dicevamo del singer Dan, la cui voce sulle prime ricorda i System Of A Down, ma non aspettatevi un emulo di Tankian, quanto piuttosto uno che esplora nuovi territori timbrici senza apparire noioso o tronfio. Tanto che l’opener “Ride the equilibrium” recupera le sonorità orientaleggianti tipiche del citato combo di origine armena, ma senza che la formula venga riproposta adagiandosi sugli allori, tanto che “Screamings from underground” spariglia le carte introducendo l’incedere tambureggiante e iconoclasta di Slipknot e Deftones, senza dimenticare un’attenzione quasi maniacale alla melodia che è tipicamente americana. So di dire qualcosa che ai più suonerà come ostrogoto, ma “Lost in a paradox” ricorda l’approccio tipicamente italiano di Miskatonic University e Addiction 96, e i legami con certe radici più o meno consapevoli non finiscono qui, dato che le mazzate di morte di “Aeons” ricordano tanto l’ondata carioca che imperversava alcuni decenni fa con i fratelli Cavalera, “Black fine devotion” intinge i dettami del grunge in salsa scream con il suo riffing stoppato nel break, mentre la conclusiva “Catharsis” si avvicina a soluzioni Touch & Go, con ritmiche a tratti simili a quelle di Fugazi e Unsane, in un connubio che produce soluzioni decisamente molto interessanti. Non è la prima volta che parto dalla fine di un disco per consigliare uno spunto di evoluzione alle band, e forse non sarà neanche l’ultima, per cui… non mi smentisco e consiglio vivamente ai Motherkissers di battere su questa traccia inconsueta per mirare ad un obiettivo più alto: la ricerca di un sound personale al 100%. Solo il tempo saprà dirci se la sfida sarà stata accolta…
Voto: 7/10
Francesco Faniello

Contact
www.motherkissers.com
www.facebook.com/motherkissers
<<< indietro


   
Gravesite
"Neverending Trail Of Skulls"
Accept
"The Rise Of Chaos"
Thunder Godzilla
"Thunder Godzilla"
Circus Nebula
"Circus Nebula"
Buffalo Grillz
"Martin Burger King"
Monnalisa
"In Principio"
Overkhaos
"Beware Of Truth"
Antonio Giorgio
"Golden Metal - The Quest For The Inner Glory"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild