Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Mosvord
:: Mosvord - Deathland - (Autoprodotto - 2013)
Demo ep di debutto per questi thrash/deathsters siciliani, i Mosvord. La band è di recente formazione, e a quanto pare ha già dalla sua diversi cambi di line-up (alcuni avvenuti proprio dopo la pubblicazione di “Deathland”) che la rendono aperta a possibili e imprevedibili innovazioni in futuro. Questo “Deathland” è un ep della durata di poco più di quindici minuti che appare dunque come biglietto da visita di quanto espresso da una formazione già ampiamente rimaneggiata, per quanto la componente di maggiore spicco – le chitarre – sia rimasta invariata. Iniziamo col dire che un’introduzione di due minuti e mezzo è francamente troppo lunga e rischia di disperdere l’attenzione dell’ascoltatore, infarcita com’è di effetti e simili (su “Speak To Me” i Pink Floyd hanno detto la loro in un tempo molto più ristretto). Le quattro tracks propriamente dette ci presentano un thrash/death grosso e rozzo nella migliore traduzione sudamericana (ascoltate il rifferama di “Destroy” per credere), e che non manca di rappresentare una certa attrattiva, sia nelle sfumature carcassiane di “Deathland” che nelle efficaci pennate di “Schizophrenia”. Come già detto, il punto di forza della band sono di sicuro le chitarre di Antonino Cannizzaro e Antonino Durante, sagaci ed efficaci nei momenti solistici, e in grado di spezzare l’andamento del disco con spunti melodici diretti figli della tradizione floridiana; non così per le vocals, poco efficaci in più punti, e per il suono della batteria, così plastico da farla sembrare una drum machine specie nella citata “Destroy” e nella conclusiva “Devour”, anche se non c’è alcuna menzione in merito. In definitiva, “Deathland” è un debut ancora un po’ acerbo ma con diversi punti di interesse: non ci resta che attendere cosa ha da dirci la nuova line-up della band!
Voto: 6/10
Francesco Faniello

Contact
www.facebook.com/pages/MosvorD/115972295098518
<<< indietro


   
Necrodeath
"The Age Of Dead Christ"
Paradise Lost
"Believe In Nothing (remixed-remastered)"
Virtual Time
"From The Roots To A Folded Sky"
The Night Flight Orchestra
"Sometimes The World Ain’t Enough"
The Courettes
"We Are The Courettes"
Eversin
"Armageddon Genesi"
Paola Pellegrini Lexrock
"Lady To Rock"
Alberto Nemo
"6X0"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2018
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info


admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Privacy | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild