Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Morbid angel
:: Morbid angel - Altars of medness - (Earache - 1989)
E’ ardua impresa per il sottoscritto commentare in modo imparziale ed obietto il disco in questione e una band come i MORBID ANGEL; sarò dunque sincero: secondo me questo è il miglior album DEATH METAL mai proposto. Ovviamente i gusti sono personali , ma sfido chiunque, in tale ambito, che si sia trovato di fronte ad un ensemble così blasfemo, personale, violento e tecnico al tempo stesso, come quello floridiano in questione. La line-up comprende i due indiscussi leaders Trey Azagthoth(chitarra) e Dave Vincent(voce e basso), Richard Brunelle(chitarra) e Pete Sandoval(batteria). Da dove iniziare? Dalla tecnica strumentale? Eccelsa, ineccepibile. I singoli brani? Dei monumenti alla bestemmia e al culto dell’ego potrei tranquillamente descriverli tutti nei dettagli, ma questo è un disco che va sentito per intero e in un sol colpo, brani che sono i comandamenti del Death Metal. “Immortal Rites” è impressionante, incute timore, “The Maze of Torment” e “Chapel of Ghouls” due classici del genere, “Blasphemy” si commenta da sola, “Evil spells” è pura invocazione demoniaca tradotta in note…… lo stile è unico, riconoscibile tra un milione di altri…..parti velocissime(Sandoval è una bestia!) si alternano a letali momenti più lenti, ma non meno cattivi;la voce di Vincent che, rabbiosa e disgustata, urla imprecazioni con assoluta cognizione di causa, deridendo i cristiani e la loro fede in un Dio che li ha resi schiavi e ciechi (Blasphemy), declamando un vero e proprio stile di vita, quello del Do What Thou Wilt (fai ciò che vuoi), di crowleiana memoria. Le chitarre di Azagthoth partorisce melodie angoscianti e solos tecnicissimi, psicopatici e schizoidi, mentre Brunelle svolge il suo ruolo egregiamente, ma dopo l’album successivo (Blessed are the sick), sarà costretto ad andarsene, schiacciato da 3 personalità prevalenti. Dei Morbid Angels è fatto sempre un gran parlare, riguardo a gesta extra musicali, ad esempio: adesione alla “Church of satan” di La Vey, gatti sgozzati in prossimità di luoghi dei concerti, richiesta di un numero fisso di donne nel back stage, interviste strafottenti e presuntuose, durate minime dei loro concerti (a volte neanche 45 min.), e tante altre storie come queste. Inoltre va segnalata l’estromissione del frontman Dave Vincent nel 1997 da parte di Azagthoth per presunte dichiarazioni e testi razzisti, nonché per l’interessamento ad una certa filosofia di stampo neo-nazista ….. quello che rimane però è la musica ed i suoi contenuti lirici (soprattutto i primi albums) e chi, come me è convinto che il vero Death Metal si debba basare su determinati presupposti e convinzioni(come nel caso dei M.A.), non potrà fare a meno di ritenere imperdibile il culto di quest’opera.

A
:: Morbid angel - Gateways to Annihilation - (Earache - 2000)
Piccola premessa: ho avuto una promotional copy di questo cd, perciò non potrò menzionare alcun titolo di brano. Detto ciò, è duro per me criticare un mito come l’angelo morboso, ma la mia integrità morale mi spinge a definire tale prodotto come indegno del nome della band che lo ha concepito. Pezzi lenti, lentissimi, ossessivi sì, ma noiosi, scontati, banali; la malvagità e la blasfemia degli esordi, sono definitivamente andati a farsi sfottere, Trey (influenzato, a suo dire, dai Pink Floyd) si produce in assoli di una paranoia mostruosa (dove sono finiti i solos da psicopatico di “Altars” e “Covenant”?). La tecnica rimane sempre spaventosa, la voce del ragazzetto americano subentrato ad “Evil Vincent”, è ora davvero buona, ma il tutto non decolla, non si avverte il tocco di genio, il guizzo vincente, l’intuizione “alla Morbid Angel”, che prima distingueva i floridiani da un altro milione di gruppi death. Qualche accelerazione qua e là, una copertina veramente orrida (metal = fumettone), un’altra band che amavo e che ora è destinata (come gli ultimi Immortal) ad essere la colonna sonora delle mie rare sfide alla Playstation. What a pity! Ultimo quesito ai lettori: ma perché nel death non si trattano più i temi di una volta? Non so voi, ma io questo fantasy e questi pseudo-intellettualoidi “a cazzo” (vedi Death) non li vedo proprio adeguati in tale contesto, una volta “estremo”. Let me know.

A
<<< indietro


   
Rainbow Bridge
"Dirty Sunday"
The C. Zek Band
"Set You Free"
Buzzøøko
"Giza"
Carnera
"La Notte Della Repubblica"
The Doomsday Kingdom
"The Doomsday Kingdom"
Northway
"Small Things, True Love"
Kill Your Karma
"What Hides Behind The Sun"
L’Ira Del Baccano
"Paradox Hourglass"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild