Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Moonless
:: Moonless - Calling All Demons - (Doomentia Records - 2012)
Appena dopo aver ascoltato quest\'album ho subito pensato: “Ma com\'è possibile che la Doomentia Records non sbaglia un colpo?!”. Provare per credere. Infatti a quattro anni dalla loro nascita, i danesi Moonless debuttano sul mercato mondiale con il loro primo lavoro, Calling All Demons, prodotto proprio dalla casa discografica ceca. Il genere è quello di un doom classico anni 70 in puro stile sabbathiano, ma che strizza l\'occhio anche ai più moderni Electric Wizard ed allo stoner dei Kyuss grazie soprattutto alla voce graffiante del cantante Kenni Petersen.
L\'album, composto da sole sei tracce, inizia con “Mark Of The Death”, canzone dai toni (e dal testo) apocalittici con riff “distruttivi” ma precisi del chitarrista Hasse Delgaard. Si passa a Devil\'s Tool e già il titolo dice tutto sulla tematica del testo. Qui è il basso a farne da padrone, con la quattro corde di Kasper Maarbjerg che scandisce il tempo in maniera lenta e cupa. “The Bastard In Me” e “Horn Of The Ram”, rispettivamente quinta e terza traccia, sono pezzi tipici del doom rock con riff veloci e suoni pesanti e “oscuri”. Il quarto brano che dà il nome all\'intero lavoro, “Calling All Demons”, è decisamente il migliore di tutto l\'album. I toni sono a metà tra i Black Sabbath e i Motorhead e rievocano climi sempre più bui e malati. Il basso e la chitarra sono stupendi e ti trascina in un vortice di suono da cui difficilmente riesci ad uscire, fino al sensuale assolo di Hasse.
“Midnight Skies” chiude l\'album (purtroppo). In questa traccia addirittura si sentono punte di Ac/Dc, ma solo nell\'intro. Per il resto è sempre un tripudio per voce, chitarra e basso accompagnati tutti dalla batteria di Tommas “Banger” Svendsen.
Concludo solo dicendo che questo giovane gruppo ha già aperto concerti di band come Saint Vitus, Ufomammuth e Pentagram. Dopo tutto questo se non li state ancora ascoltando vuol dire che avete sbagliato qualcosa, spetta a voi capire cosa!
Voto: 7/10
Peppe Doronzo

Contact:
www.doomentia.com
www.myspace.com/amoonlessnight
<<< indietro


   
Banana Mayor
"Primary Colors Part I: The Red"
Deflore
"Epicentre"
Where The Sun Comes Down
"Welcome"
Lo Fat Orchestra
"Neon Lights"
Eyelids
"Endless Oblivion"
Disequazione
"Progressiva Desolazione Urbana"
Labyrinth
"Architecture Of A God"
Uneven Structure
"La Partition"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild