Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Messa
:: Messa - Belfry - (Aural Music - 2016)
“Belfry” è il cd di debutto di questa band formatasi nel 2014 a Treviso, che (apprendo dalla loro bio) comprende elementi stilistici provenienti dagli ambienti musicali più disparati, ovvero prog, black metal, punk, dark ambient, rock’n’roll e doom… tutte queste influenze sono state canalizzate in un calderone sonoro che i Messa definiscono “Scarlet Doom”. In effetti, già dopo il primo ascolto di questo lavoro si può affermare che la band riesca egregiamente a rendere effettive tutte queste caratteristiche, andando a carezzare, scuotere, stordire, risvegliare, esaltare e deprimere l’ascoltatore, e quindi a comunicargli sensazioni sia tipiche che atipiche di un genere ormai storicamente consolidato come il Doom Metal proprio tramite l’uso di tinte sonore accattivanti, ammalianti e coinvolgenti... in una parola “scarlatte”.
Formazione a quattro di classica ispirazione sabbathiana, con una batteria potente, precisa, pesante e ben presente, un basso tellurico padrone indiscusso delle proprie frequenze e incurante di mostrare virtuosismi, una chitarra che riesce a fare tutto ciò che una chitarra dovrebbe fare in un contesto melodico e ritmico simile, cioè riffoni da headbanging cadenzato, arpeggi sognanti, esperimenti effettistici e linee melodiche ispiratissime ad affrescare tutto il quadro sonoro. Completa il tutto una voce femminile che, pur ispirandosi agli stilemi melodici “maschili”, proprio per le naturali differenze timbrico-espressive finisce invece per “reinventarli”, amalgamando ancora meglio la propria componente vocale su quella strumentale mentre interpreta dei testi le cui tematiche oscillano fra l’introspezione, l’immaginario fantasy “settantiano” e oscure quanto oniriche visioni di apocalissi reali o spirituali.
Il disco comprende dieci tracce della durata media superiore ai sei minuti, fra le quali alcuni brevi intermezzi strumentali a base di effettistica e di strumenti a corda. Fra i pezzi secondo me più riusciti del disco includerei la lenta e emblematica “Babalon”, l’epica e potente “Hour of the wolf”, l’oscura e ossessiva “Blood” (impreziosita tra l\\\'altro da azzeccatissimi inserti di strumenti a fiato), l’ipnotica e psichedelica “Outermost”, e l’arpeggio acustico di ispirazione quasi neofolk di “Confess”, che chiude il disco.
In definitiva, una bella prova d’esordio per questi Messa, consigliata a chi nel Doom Metal cerca anche un certo tot di personalità e particolarità.
Voto: 8/10
WOLVIE

Contact
www.facebook.com/MESSAproject
<<< indietro


   
Dark Ages
"A Closer Look"
Ananda Mida
"Anodnatius"
Ars Divina
"Atto Primo"
Time Lurker
"Time Lurker"
Anno Senza Estate
"MMXVII"
Face Down Hero
"False Evidence Appearing Real"
LorisDalì
"Gekrisi"
Cloven Altar
"Enter The Night"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild