Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Mekong Delta
:: Mekong Delta - In A Mirror Darkly - (SPV/Steamhammer - 2014)
Se si vuole parlare di thrash metal, o meglio della ‘corrente’ thrash tedesca, i primi nomi che ‘tireremo’ fuori sono Destruction, Kreator e Sodom, giusto? Beh, qualcuno più colto, o meglio più addentrato nella scena tedesca, citerà anche Tankard, Holy Moses, Angel Dust (per i primi dischi), Mekong Delta, etc… e dunque oggi ci soffermiamo sui ‘misteriosi’ Mekong Delta; infatti, la band (che nasce verso il 1985) doveva essere un progetto segreto con una proposta musicale indipendente (e naturalmente non parliamo del trend modaiolo/hipster dell’indie…), e con membri che volevano mantenere l’anonimato – con a capo Ralf Hubert, ingegnere del suono (Warlock, Steeler, etc…) e proprietario della casa discografica Aaarrg. Dopo vari cambi di pseudonimi, cambi di formazioni, pochissimi uscite dal vivo e tanti misteri, i Mekong Delta (nome di un fiume del Vietnam) hanno pubblicato undici album (escludendo i pochi singoli, ep, live e raccolte), sempre mescolando sapientemente al classico thrash metal una buona dose di prog metal. Infatti, sono da ritenersi tra le band più ‘coraggiose’ e purtroppo poco considerate; nei loro dischi troverete ottima tecnica e brani davvero eccellenti, e anche con “In a Mirror Darkly” la band tedesca non si smentisce, associando la particolarità del Progressive unito alla furia del Thrash Metal (naturalmente tedesco). Sarò ripetitivo, ma ascoltando più volte il disco, si viene scaraventati dall’altalenarsi di partiture progressive, incastonate dalle sfuriate thrash, rendendo però difficile l’ascolto a buona parte del pubblico, che si soffermerà ben poco a digerire un disco come “In a Mirror Darkly”… tuttavia, per chi ha seguito ed amato i Mekong Delta, non è che la conferma di una band che non si arrende, proponendo con coraggio un sound sempre lontano dalle mode; un disco con brani che non scendono sotto i cinque minuti, ripeto, poco digeribile per molti… per me una buona sufficienza, ma non vi nego che continuerò ad ascoltarlo, magari mi ricrederò!
Voto: 6/10
Giovanni Clemente

Contact
www.mekongdelta.eu
<<< indietro


   
Venom Inc.
"Avé"
Raging Fate
"Gods of Terror"
Grimgotts
"Lions of the Sea"
Detest
"The End of All Ends"
Vessel of Light
"Vessel of Light"
The Kinn-ocks
"The Kinn-ocks"
Black Hole
"Evil In The Dark"
Ancient Empire
"The Tower"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2017
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild