Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Mantas
:: Mantas - Death by metal - (Autoprodotto - 1983)
I Mantas non incisero più di tanto sul panorama metal all’alba degli anni ’80. In fondo erano solo dei ragazzini che strimpellavano un metal molto rozzo e primitivo in un garage in pieno ‘83. La cosa cambia se il proprietario del garage era una certa Jane Schuldiner, madre di un chitarrista e cantante che farà molta strada e che farà parlare molto di sé, prima che un maledetto tumore lo stronchi a soli trentaquattro anni: Chuck Schuldiner. Chuck, all’epoca quindicenne, suonava nel suddetto garage in compagnia del drummer e vocalist Kam Lee e col chitarrista Rick Rozz. In quello stesso garage, i Mantas concepirono il loro primo demo intitolato “Death by metal”, cinque brani di inaudita ferocia e primitività, con un sonoro ben lungi da quello dei futuri lavori dei Death. La track list prevede brani come “Legion of Doom”, “Evil dead”, che sarà l’unico del demo a comparire sul primo album dei Death “Scream bloody Gore”, “Beyond the Unholy Grave”, “Power of Darkness” e “Death by metal”.
La qualità della registrazione risulta primitiva tanto quanto il genere suonato dal trio; tuttavia già s’intravede quel senso di cupo tecnicismo e quella potenza che saranno il marchi di fabbrica dei Death. Infatti, di tutti i brani registrati dai Mantas, l’unico che può essere definito il prototipo dello stile Death è proprio “Evil Dead”, gli altri invece risultano influenzati dalla scuola thrash degli Slayer, soprattutto negli attacchi degli assoli, e dal proto- black dei Venom.
“Death by Metal” è un disco che fa sorridere, e specifico, non ridere o sghignazzare. E’ un demo che fa ritornare alla mente gli esordi di un gruppo e di un’artista che sarà uno dei più grandi punti di riferimento nell’ambito del metal estremo. E’ un demo che va rispettato, perché quel ragazzo, che apparentemente sta’ massacrando la musica con i suoi amici, sta’ in realtà costruendo un nuovo genere.
E’ un cd da possedere, ma ne consiglio l’acquisto solo a i cultori della band e, più in generale, agli amanti del metal estremo.

AN
<<< indietro


   
Banana Mayor
"Primary Colors Part I: The Red"
Deflore
"Epicentre"
Where The Sun Comes Down
"Welcome"
Lo Fat Orchestra
"Neon Lights"
Eyelids
"Endless Oblivion"
Disequazione
"Progressiva Desolazione Urbana"
Labyrinth
"Architecture Of A God"
Uneven Structure
"La Partition"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild