Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Mantas
:: Mantas - Death by metal - (Autoprodotto - 1983)
I Mantas non incisero più di tanto sul panorama metal all’alba degli anni ’80. In fondo erano solo dei ragazzini che strimpellavano un metal molto rozzo e primitivo in un garage in pieno ‘83. La cosa cambia se il proprietario del garage era una certa Jane Schuldiner, madre di un chitarrista e cantante che farà molta strada e che farà parlare molto di sé, prima che un maledetto tumore lo stronchi a soli trentaquattro anni: Chuck Schuldiner. Chuck, all’epoca quindicenne, suonava nel suddetto garage in compagnia del drummer e vocalist Kam Lee e col chitarrista Rick Rozz. In quello stesso garage, i Mantas concepirono il loro primo demo intitolato “Death by metal”, cinque brani di inaudita ferocia e primitività, con un sonoro ben lungi da quello dei futuri lavori dei Death. La track list prevede brani come “Legion of Doom”, “Evil dead”, che sarà l’unico del demo a comparire sul primo album dei Death “Scream bloody Gore”, “Beyond the Unholy Grave”, “Power of Darkness” e “Death by metal”.
La qualità della registrazione risulta primitiva tanto quanto il genere suonato dal trio; tuttavia già s’intravede quel senso di cupo tecnicismo e quella potenza che saranno il marchi di fabbrica dei Death. Infatti, di tutti i brani registrati dai Mantas, l’unico che può essere definito il prototipo dello stile Death è proprio “Evil Dead”, gli altri invece risultano influenzati dalla scuola thrash degli Slayer, soprattutto negli attacchi degli assoli, e dal proto- black dei Venom.
“Death by Metal” è un disco che fa sorridere, e specifico, non ridere o sghignazzare. E’ un demo che fa ritornare alla mente gli esordi di un gruppo e di un’artista che sarà uno dei più grandi punti di riferimento nell’ambito del metal estremo. E’ un demo che va rispettato, perché quel ragazzo, che apparentemente sta’ massacrando la musica con i suoi amici, sta’ in realtà costruendo un nuovo genere.
E’ un cd da possedere, ma ne consiglio l’acquisto solo a i cultori della band e, più in generale, agli amanti del metal estremo.

AN
<<< indietro


   
Le Jardin Des Bruits
"Assoluzione"
Fragore
"Asylum"
Dark Ages
"A Closer Look"
Ananda Mida
"Anodnatius"
Ars Divina
"Atto Primo"
Time Lurker
"Time Lurker"
Anno Senza Estate
"MMXVII"
Face Down Hero
"False Evidence Appearing Real"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild