Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Madwork
:: Madwork - Leaving all behind - (Autoprodotto)
E’ veramente un’impresa recensire questo cd degli astigiani Madwork, non tanto per la loro lungimiranza musicale per altro innegabile, ma soprattutto perché i brani alternano momenti interessanti con altri molto noiosi e dispersivi. Il cd è suonato molto bene, registrato bene ed è un buon traguardo per una band attiva da un lustro; infatti, in cinque anni ha prodotto tre lavori, più una compilation. Valutati da sempre come una progressive metal band, i Madwork in realtà propongono una miscela di hard rock melodico, spruzzi di progressive, una tendenza in alcuni punti molto “heavy”e una certo sperimentalismo sonoro.
Nonostante questo, la ridondanza di momenti, come ho detto prima, interessanti ed altri decisamente noiosi rende un po’ stuffoso il cd.

Murnau

Contact
Giuseppe Careddu
Via Serra 63
14033- Castell’Alfero (AT)
tel + 39-0141 405758
tel + 39-335 7856987
madwork@madwork.net
www.madwork.net
:: Madwork - Overflow - (Autoprodotto)
Questa è la loro prima uscita discografica, da annoverare tra le migliori rispetto a ciò che circola nella nostra penisola negli ultimi mesi. Un noise rock con elementi progressive veramente ascoltabili e piacevoli. Idee fresche e personali che non tarderanno sicuramente a conquistare ovazioni. Il sound molto originale può essere ascoltato sin dalle prime due tracce dello splendido Overflow. L’opener “Null” e “World in my Hands” è un compendio di atmosfere struggenti che mutano in melodie deflagranti. La successiva “Leaving all Behind” inserisce cori evocativi ottimamente accostati alla voce del cantante con un cambio tra partiture strappa lacrime e altre più riflessive. “Amused to Death” si muove nella stessa direzione della precedente. “The Remedy” rispetta i canoni della classica traccia cervellotica del genere noise con partiture lente accostate ad altre ritmicamente opposte. “Memory is a Lie” è un brano molto riflessivo dove musica e testo diventano una sola cosa per accompagnare l’ascoltatore in un turbinio di emozioni( c’è da sottolineare lo splendido assolo del chitarrista, inserito al momento giusto al posto giusto). “Flow” è corredato di una stupefacente introduzione e, la successiva “The Sniper”, sembra cadere come il miele sulla ritmica frenetica delle partiture. Cambi di tempo in “Missing a Life”, corredati con psicopatiche introduzioni esplosive, che giungono a “Weekend Widow”, per terminare un bellissimo lavoro con “Got a Secret”. A caccia di un sound molto personale, sono riusciti a identificarsi positivamente in questo momento di carenza di idee, dove molte band ci propongono lo stesso olio fritto e rifritto!

Ignis fatuus

Contact
www.madwork.net
madwork@madwork.net
<<< indietro


   
Fire Strike
"Slaves of Fate"
Aliante
"Forme Libere"
Unreal Terror
"The New Chapter"
Vetriolica
"Dichiarazione D’odio"
Stereo Nasty
"Twisting the Blade"
Kal-El
"Astrodoomeda"
Die! Die! Die!
"Charm. Offensive"
I Sileni
"Rubbish"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild