Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Longobardeath
:: Longobardeath - Alcolico Laiv!!! - (Anger Music – 2010)
Ogni uscita dei Longobardeth per un terrone come me è pari a una pubblicazione di un gruppo straniero. Ma se quest’ultimi una capatina al sud di tanto in tanto la fanno, la band capitanata da Ul Mik da le mie parti difficilmente la vedremo. Fortunatamente a sopperire a questa lacuna ci pensa questo cofanetto che racchiude un cd e un dvd live della band lombarda. I pezzi sono stati registrati tra il 2005 e il 2010 durante degli show tenuti presso la Comunità Giovanile, la Colonia Elioterapica e al Music Drome. Per quanto concerne i contenuti dei due dischetti, le tracce sono le medesime, stranamente il cd ne contiene qualcuna in più rispetto al dvd (di solito è il contrario). La qualità del suono è ottima, mentre le immagini, pur se riprese con mezzi non potentissimi, riescono a rendere al meglio l’impatto live del combo meneghino. Anzi il feeling pane e salame che trasuda il dvd, ben si addice all’attitudine schietta e senza fronzoli di Mik e compagni. Il repertorio proposto spazia tra i vari album della discografia, con un occhio particolare rivolto all’ultimo Bonarda Bastarda. Non mancano i rifacimenti in chiave lumbard di classici di Motorhead, WASP, Kreator, Steppenwolf e Chuck Berry, più tuta una sere di canti popolari. Ricco il parterre di ospiti provenienti da realtà underground nostrane. La parte dedicata agli special offre un’intervista al buon Mik, un paio di videoclip (“Polenta Violenta” e “Bonarda Bastarda”) e tante foto. Curatissimo anche il packing, un cofanetto in cartone con un libriccino strapieno di foto. Dopo aver visionato-ascoltato quest’opera, ho maturato una certezza: “ l’Italia potrà non essere fatta, ma è sicuramente alcolizzata!”.
Voto: 8/10
g.f.cassatella

Contact
www.longobardeath.it
www.myspace.com/longobardeath
www.angermuisc.it
:: Longobardeath - Ball De Nadal!!! - (Fonola – 2011)
Brutta bestia il Natale per il metallaro! Se sei satanista, non puoi mica metterti a celebrare la nascita del figlio del tuo avversario. Se sei politicamente impegnato, figurati se approvi il consumismo sfrenato che impera in quel periodo. Poi ritrovarsi in casa con i parenti per interminabili sedute di tombola, gioco rinomato per i bottoni non per le borchie, è uno stress non da poco. E poi ci sono gli odiosi regali! Per fortuna i Longabardeath, ragazzuoli da sempre vicini alle problematiche giovanili, hanno risolto con efficacia e disinvoltura l’odioso problema! Da oggi potrete rifarvi nei confronti della nonnna-mamma-zia-sorella-cugina rompi palle che puntualmente durante il pranzo del 25 tira fuori l’odiosa compilation (magari trovata nelle scatolo del panettone) contente i classici inni natalizi. Perché Ul Mik e compagni hanno rivisitato a modo loro questi brani, mettendo a vostra disposizione un’efficace arma! Risentire in chiave metalombarda quelle canzoncine che da anni vi accompagnano nel periodo tardo dicembrino, non vi farà riconciliare con le feste, ma almeno vi donerà un sorriso. Ma Ball De Nadal!! non è una semplice compilation natalizia come ce ne sono già state in campo metal, ma è anche un live album! Ed è sul palco che gli autori di Bonarda Bastarda danno il meglio. L’esibizione immortalata su questo cd è quella tenuta lo scorso anno in occasione del concerto di Natale presso il Centro Giovanile di Busto Arsizio, da sempre luogo di scorribande della band. Sicuro di aver risolto l’annoso problema del regalo da fare (per i più esigenti esiste un’edizione limitata dell’album, “Cavell De Natal”, contente cd, cappello di natale, spilla, adesivo e maglia rossa o nera) non mi resta che augurarvi (con largo anticipo) buone feste!
Voto: 7/10
g.f.cassatella

Contact
www.longobardeath.it
www.angermusic.it
www.fonola.it
:: Longobardeath - Bonarda Bastarda - (Anger Music – 2009)
Tornano gli irriverenti e caciaroni Longobardeath. La band capitanata da Ul Mik ripropone il proprio metal con testi in dialetto lombardo. Le sonorità sono quelle classiche del genere (Motorhead e NWOBM con spruzzatina di tendenza punk), nonostante le radici thrash di Ul Mik, già membro dei Vexed. L’ironia e una certa attitudine da osteria non mancano neanche in questo secondo album, e restano la vera peculiarità del gruppo. Così dopo il siparietto iniziale che vede coinvolti due distinti signori, si passa alla title track, trascinante inno metallico. Non nascondo come per un pugliese sia alquanto arduo interpretare i criptici testi del gruppo… anche se alcuni dei messaggi contenuti nel disco sono a dir poco universali. Come da tradizione Longorbadeath non mancano gli sopiti: si va da Pino Scotto e Ninni Svampa in “Vita Straca” (impegnati nel più classico dei classici ritornelli napoletani), a Andy Panigada (Buldozer) che sviscera un assolo F.B.L.O. Altri ospiti sono Gezol dei giapponesi Sabbath, dagli Atroci La bestia Assatanata e L’Orrendo Maniscalco, più tutta una serie di loschi personaggi della scena italiana proveniente da Vexed, Hatework, Wetdog, Hyades e Dirty Bastards. In definitiva un album divertente e piacevole da gustare tutto d’un fiato… magari con un bottiglia di bonarda accanto.
Voto: 7/10
g.f.cassatella

Contact
www.longobardeath.it
www.myspace.com/longobardeath
www.angermuisc.it
:: Longobardeath - Old Time Balabiott - (Anger Music – 2014)
Faccio ammenda, ho dovuto far ricorso al sapere magno di Wikipedia per tradurre quel balabiott che appare nel titolo (oh, sono pugliese!), così ho scoperto che quel termine sta significare più o meno poco di buono. Sicuramente non sono dei balabiott i Longobardeath del buon Ul Mik, capaci di sfornare da decenni album (da studio o live) con una buona costanza. Arrosto e poco fumo, anche se la ricetta è sempre la stessa: rock (duro) con testi in lumbard. Da quel 1993, che compare ormai orgogliosamente anche nel logo della band, di acqua nei navigli ne è passata, la band ha negli anni compiuto dei lievi cambiamenti nel proprio sound, arrivando oggi, paradossalmente, ad essere quanto più di vicino a un gruppo di folk, genere con cui i Longobardeath hanno flirtato spesso, basti pensare alla collaborazione con Ninni Svampa di qualche anno fa, ci sia in giro. Questa mia affermazione non va letta tanto a livello musicale, quando ideologico: il gruppo nel 2014 pensa e agisce come una band tradizionale lombarda, anche se poi suona 10.000 volte più pesante e veloce. Probabilmente da meridionale non ne colgo a pieno neanche tutte le sfumature etno-antropologiche (erano anni che cercavo un pretesto qualsiasi per scrivere qualcosa del genere), però è forte la sensazione che oggi i Longorbardeath siano più un gruppo folkloristico che metallico, e cazzi non ce ne sono! Entrando negli aspetti musicali, la proposta è la solita, rock and roll scanzonato, che flirta col punk, col metal e con l’hard rock. I testi sono parlano di vita vissuta (quando e dove non so), qui e là ci sono degli inserti cinematografici (maledetti, mi sono fatto una carrellata di film di Pozzetto dopo aver ascoltato Old Time Balbiott!) e citazioni di classici del rock pesante. Diciotto passi nella tradizione, quella che neanche l’Expo sarà in grado di scalfire (o almeno si spera).
Voto: 7/10
g.f.cassatella

Contact
www.longobardeath.it
www.myspace.com/longobardeath
www.angermuisc.it
<<< indietro


   
Deflore
"Epicentre"
Where The Sun Comes Down
"Welcome"
Lo Fat Orchestra
"Neon Lights"
Eyelids
"Endless Oblivion"
Disequazione
"Progressiva Desolazione Urbana"
Labyrinth
"Architecture Of A God"
Uneven Structure
"La Partition"
Full Leather Jackets
"Forgiveness: Sold Out"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild