Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Le Cose Bianche
:: Le Cose Bianche - Sadomanticonvulsion - (Naked Lunch Records - 2014)
Disturbati, cercatori di sonorità sempre più estreme, esploratori dei recessi più reconditi dell’animo e affini, la cena è servita. Piatto del giorno Le Cose Bianche, un monicker sufficientemente evocativo di sensazioni disgustose e di recessi fungosi da essere più che eloquente. No, non mi sto rimangiando quanto detto in sede di recensione di “A World Lit Only By Fire” dei Godflesh: i Maestri restano i Maestri, ma è pur vero che sin dai tempi di Genesis P-Orridge e dei suoi Throbbing Gristle l’avanguardia industrial/elettronica non si è mai posta in contrasto con se stessa, e ha sempre mirato al sovvertimento puro, guardando semmai con diffidenza a chi si erge a facile profeta di un sound “arrivato” e definitivo. Non è certo il caso di questo progetto nato nel 2008, sostanzialmente una one-man band in cui gli intenti power electronics sono ovviamente accompagnati spesso e volentieri da immagini di impatto, ma (ed è l’aspetto preoccupante) vivono comunque di vita propria nella dimensione sonora, proprio come avviene per i “colleghi” E-Aktion, vecchia conoscenza di queste pagine. “Sadomanticonvulsion” è il disco di cui ci occupiamo, ristampa a cura della Naked Lunch dell’originale pubblicato su Crepuscole du Soir: trentuno minuti di delirio lancinante, con connotazioni urbane senza velleità pre- o post-apocalittiche, ma radicate su coordinate crude e reali. Simili giri di parole rendono solo parzialmente il vociare ossessivo di “What can you find in bad procured”, rievocato su “Shitcracker” e riasserito definitivamente sulla marziale title-track, con feedback lancinanti. O le fiamme di “Protesta Negra”, che vede la partecipazione di E-Aktion in un ideale scambio di collaborazioni che è anche declinato in un climax che lascia spazio all’oscurità più nera. Altro esempio è “Motherkey”, che ci restituisce in tre minuti e mezzo un suono laminato, grezzo e quasi memore delle suggestioni espresse da Moroder nella sua interpretazione di Lang. Affreschi di realtà, suoni ossessivi e la fine delle regole armoniche; se non fate parte della schiera citata in apertura e vi sentite comunque pronti a concedervi un viaggio nel parossismo di LCB, assicuratevi di tenere ben stretto il biglietto di ritorno.
Voto: SV
Francesco Faniello

Contact
www.facebook.com/LeCoseBianche
lecosebianche.blogspot.it
<<< indietro


   
Ephyra
"The Day Of Return"
Amorphis
"Queen of Time"
Daylight Silence
"Threshold of Time"
Rocka Rollas
"Celtic Kings"
Desert Wizards
"Beyond the Gates of the Cosmic Kingdom"
Urban Steam
"Under Concrete"
Il Cerchio D’Oro
"Il Fuoco Sotto La Cenere"
Anthrax
"Kings Among Scotland"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2018
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info


admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Privacy | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild