Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - - Ă - '





Reviews - Laeta Mors
:: Laeta Mors - Deafening Silence - (Cimitero Records - 2007)
L\\\'intenzione che i Laeta Mors perseguono dal 2004 è quella di \\\"creare una band in cui il loro gusto personale Thrash, Death e Black Metal si fondi in un mix che travalichi il concetto statico di genere\\\" (leggo dalla Bio allegata al disco).
A mio parere si tratta di una sfida molto interessante, che per la sua particolarità si può risolvere in un milione di modi diversi. I Laeta Mors ne scelgono uno e ci danno dentro senza pietà. E ci sanno fare.
In effetti il loro sound è composto di tante influenze quante sono le toppe sui giubbotti di jeans indossati sopra il chiodo che sfoderano in seconda di copertina del CD ;). Se mi mettessi ad analizzare quello che ci sta nel disco, farei un elenco interminabile di gruppi, quindi cercherò di rendere l\\\'idea dicendo una cosa sola: fanno Metal Estremo e Incazzato. Non è assolutamente un disco di metal avanguardistico, ma la sua forza sta proprio nell\\\'esserne l\\\'esatto opposto.
Ci sta la cattiveria picchiatrice del Thrash metal, la morbosità Death di alcuni riff portanti e un continuo alone oscuro mutuato direttamente dalla scena Black anni \\\'80 e primi anni \\\'90, sintetizzati in pezzi frenetici dalla durata media di 3 minuti. Il livello tecnico dei musicisti è adeguato a tale impresa, non eccelso ma perfettamente in linea con la sostanziosità del loro sound. La scelta di usare la drum machine per registrare i pezzi può dare fastidio a qualcuno, ma il gruppo ci fa sapere di aver trovato un batterista definitivo. La produzione è molto buona. In ogni pezzo ci sono tante influenze diverse, mixate in un modo a mio parere molto sensato. Fra i pezzi da segnalare oltre alla titletrack, abbiamo l\\\'opener Livid Existence, fra Dissection ed Enslaved; Route 666, con i Sodom che fanno a botte con i Megadeth; la \\\"Slayer meets Bathory\\\" Ghost of Mind; The Unnamed, ovvero gli Emperor con la sgarbatezza \\\"Voivod style\\\"; The Last Enthronement, che inizia come gli Overkill \\\"blackizzati\\\" e finisce con una melodia che ricorda un pò i Metallica dei tempi antichi..
L\\\'unica cosa che credo sia da \\\"migliorare\\\" al loro sound sarebbe, IMHO, un uso della voce un pò più vario, alternando in maniera adatta screaming Black Metal a vocione stile Tom Warrior di \\\"To Mega Therion\\\" e ad un \\\"più comprensibile\\\" :) ringhio urbano tipicamente Bay Area, cosa che per Massacre credo sia un gioco da ragazzi. Ma per il resto, la parola d\\\'ordine dei Laeta Mors è solo una: VIULEEENZA!!!
WOLVIE

Contact
www.myspace.com/laetamors
www.laetamors.it
www.cimiterorecords.com
<<< indietro


   
Deflore
"Epicentre"
Where The Sun Comes Down
"Welcome"
Lo Fat Orchestra
"Neon Lights"
Eyelids
"Endless Oblivion"
Disequazione
"Progressiva Desolazione Urbana"
Labyrinth
"Architecture Of A God"
Uneven Structure
"La Partition"
Full Leather Jackets
"Forgiveness: Sold Out"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild