Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Kingdom Come
:: Kingdom Come - Outlier - (SPV/Steamhammer - 2013)
Come ci dice la lettera di presentazione (allegata al disco), ‘la fama e la fortuna’ hanno sempre giocato un ruolo minore sia nei Kingdom Come che nella lunga carriera di Lenny Wolf, un artista che ha sempre accettato le nuove sfide musicali, nonché la sfida di evolversi (musicalmente) nel mondo del rock. Con “Outlier”, Lenny inizia un nuovo percorso (o capitolo) della sua variegata carriera creativa, posizionando sapientemente la sua voce carismatica tra l’hard rock tradizionale ed elementi sonori cari all’industrial (all’elettronica insomma). Già la copertina ‘semplice’ dà quel tocco di ‘moderno’… ma come vi dicevo, sia l’immagine della copertina che il sound di questo nuovo lavoro portano i Kingdom Come in una nuova dimensione – considerando che Wolf è un instancabile e coraggioso musicista – alla faccia delle mode! Il disco inizia con “God Does Not Sing Our Song”, un brano malinconico, ma accattivante; “Running High Distortion”, invece, inserisce passaggi con synth e un riffing ripetitivo. “Rough Ride Ralleye” è un gioco tra elementi elettronici e atmosfere affascinanti con il ‘sottofondo’ vocale di Lenny; in “Let The Silence Talk” sono le classiche sonorità hard rock a prevalere (quasi a non dimenticare le origini). L’album continua con “Holy Curtain” e, come nel brano iniziale, è il lato malinconico a prevalere: davvero un bel pezzo! “The Trap Is Alive”, invece, è una canzone più “allegra” (passatemi il termine) con un ritmo più rock n’roll; “Skip The Cover And Feel”, più vicina al classico repertorio della band, è un brano davvero interessante e trascinante. “Don’t Want You Wait” invece, riprende le sonorità moderne che Wolf ha sapientemente mescolato nel sound della sua ‘creatura’; “Such A Shame” è un bel pezzo ‘tirato’ (e classico), bello il riffing… il disco si conclude con “When Colours Break The Grey”, dove sono l’elettronica e l’atmosfera malinconica a dominare. Un disco che va assimilato con più ascolti, ma è davvero un lavoro interessante, che cresce ascolto dopo ascolto! Lenny Wolf non sarà mai ‘popolare’ come qualcun altro, ma è un musicista a 360° che merita la stima di tutti e “Outlier” è un eccellente lavoro; cosa state aspettando?
Voto: 9/10
Giovanni Clemente

Contact:
www.lennywolf.com
<<< indietro


   
Gravesite
"Neverending Trail Of Skulls"
Accept
"The Rise Of Chaos"
Thunder Godzilla
"Thunder Godzilla"
Circus Nebula
"Circus Nebula"
Buffalo Grillz
"Martin Burger King"
Monnalisa
"In Principio"
Overkhaos
"Beware Of Truth"
Antonio Giorgio
"Golden Metal - The Quest For The Inner Glory"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild