Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Jorn
:: Jorn - Dio - (Frontiers - 2010)
Chi meglio di Jorn Lande avrebbe potuto dedicare un tribute al nostro compianto Ronnie James Dio? Era chiaro come il sole che il norvegese amasse pazzamente il mitico folletto! Ricordo la sua versione di \"Stargazer\" nell\'album dei Mundanus Imperium e il suo dvd \"Live In U.S.A.\" in cui si cimenta in \"Strainght Through The Heart\"! E ci tengo a precisare che Jorn Lande ha dichiarato che questo cd non ha affatto scopi speculativi, ma che era in programma ancor prima che Ronnie James passasse a miglior vita! Quanta nostalgia e tristezza suscita questo tribute album di fattura davvero eccelsa! La somiglianza vocale tra Jorn e Dio è impressionante, ma Lande è stato in grado di metterci comunque un tocco di quel marchio di fabbrica che ha contraddistinto i suoi Jorn, senza però mai snaturare la versione originale dei brani. La prima traccia inedita, \"Song For Ronnie James\", in cui Jorn percorre la carriera artistica di Dio, fa scappare le lacrime già dalle prime note (a me è successo). La scelta dei brani è stata molto accurata, tralasciando quelli che la gente avrebbe dato per scontato che ci fossero, come \"Holy Diver\" e \"We Rock\". Il vocalist norvegese fa infatti una vera e propria selezione di qualità scegliendo essenzialmente pezzi della discografia dei Dio, un solo brano dei Rainbow, \"Kill The King\" e un solo brano dei Black Sabbath, \"Lonely Is The World\". Molto apprezzabile è l\'interpretazione di \"Invisible\" e di \"Don\'t Talk To Stranger\" (la mia preferita) e molto belle anche \"Push\" e la granitica e spettacolare \"Stand Up And Shout\". Una nota di merito anche alla band che ha cercato di essere quanto più fedele all\'esecuzione originale e un punto in più ai chitarristi per gli assoli praticamente perfetti, di quelli che furono i mitici chitarristi che hanno accompagnato Dio nella sua carriera. Mi sembra inutile menzionare la bellezza già nota dei brani contenuti in questo \"Dio\" di Jorn, quindi vi consiglio solo e vivamente di comprarlo e di spararvelo nelle casse a tutto volume! Bravo, bravissimo Jorn! Addio Ronnie James Dio…rimarrai per sempre nei nostri cuori e la tua voce sarà tramandata ai posteri per milioni di anni
Voto: 9/10
Antonio Abate

Contact
www.jornlande.com
:: Jorn - Out to Every Nation - (Afm Records/Audioglobe)
Questo si che è un cantante... E mica si accontenta di leggere in \"fa minore\" i libri sacri degli Stratovarious oppure del power metal tedesco...
\'Out to Every Nation\' è un album composto da un signore cantante che ha militato nei Company of Snakes e negli Ark... Quindi... L\'album solista di questo talentuoso singer norvegese non si interessa di spiatellare una serie di sonnolente canzoni power che poi cadono dritte dritte nel dimenticatoio.
Ogni brano è ben costruito perché il brano deve essere un vero brano, e non la \"ratio\" per esporre in pubblica via il talento. I brani sono massici anche perché l\'intento di JORN è di far capire che i JORN sono una vera e propria band. Si passa da sonorità teutoniche ad altre più riflessive, da song thrashy ad altre più in voga con certi standard progressive... Insomma,
JORN non vuole limitare il proprio talento e cerca sempre e comunque di mettere in forse le sue caratteristiche. Che sia nata una vera stella nel firmamento del metallo continentale? Aspettiamo JORN sulla distanza...

EMANUELE GENTILE
:: Jorn - Spirit Black - (Frontiers - 2009)
A un anno di distanza dal precedente “Lonely Are The Brave”, torna sulle scene il buon Jorn Lande, una delle migliori ugole hard rock in circolazione, del quale, oltre alla carriera solista, ricordiamo le collaborazioni con Yngwie Malmsteen, Millennium, i due album assieme ad Allen, ed il recente rientro nella formazione teutonica dei Masterplan. Quando si acquista un disco di Jorn Lande, lo si può comprare sulla fiducia, ben sapendo già cosa aspettarsi, cioè un robusto hard-rock di qualità, contaminato qua e là da spruzzatine di classic-metal anni ’80 che non fanno mai male. Anche questo “Spirit Black” si conferma infatti un lavoro superiore alla media, in cui la voce graffiante del biondo singer norvegese dà per l’ennesima volta una grandiosa dimostrazione di tutte le sue potenzialità. Il disco contiene tra l’altro alcuni brani notevoli, in grado di spiccare e distinguersi dal resto della tracklist in quanto possibili nuovi classici del repertorio del cantante in questione, ossia la bellissima “Road Of The Cross”, che riporta alla mente alcune delle più sublimi composizioni dei Rainbow, e soprattutto “World Gone Mad”, una hit-single per tutti i nostalgici degli anni ’80, che una volta ascoltata non potrete fare a meno di canticchiare ossessivamente. Unica pecca dell’album, a mio parere, è la lenta “City In Between”, con i suoi insopportabili effetti da videogioco di astronavi. Ma ad un singer come Jorn Lande si può perdonare questo ed altro…
Voto: 8/10
Marco Cramarossa

Contact
www.jornlande.com
www.myspace.com/realjornv
<<< indietro


   
Le Jardin Des Bruits
"Assoluzione"
Fragore
"Asylum"
Dark Ages
"A Closer Look"
Ananda Mida
"Anodnatius"
Ars Divina
"Atto Primo"
Time Lurker
"Time Lurker"
Anno Senza Estate
"MMXVII"
Face Down Hero
"False Evidence Appearing Real"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild