Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Iron Reagan
:: Iron Reagan - The tyranny of will - (Relapse - 2014)
Stavolta mi è toccato in sorte di recensire questo disco, che apprendo essere un side project di Landphil Hall dei Municipal Waste (che qui però ci suona la chitarra), fondato nel 2012 e con un po’ di roba già pubblicata alle spalle... quindi, dopo praticamente 132 ascolti consecutivi (capirai, la durata media dei pezzi è anche minore di quelli della band principale), che posso dire di questo lavoro? Beh, le solite cose: prendete un pugno di ragazzacci metallari, con tanta incazzatura sociale alcolica e psicotropa mista a voglia irrefrenabile di sbeffeggiare il potere nella propria maniera tipicamente americana, chiudeteli in sala prove e aspettate la sgarbatezza sonica che sicuramente ne uscirà fuori. Nel pestaggio sonoro dei (ben 25) pezzi di questo disco è praticamente impossibile distinguere dove finisce il thrash e inizia l’hardcore: fra ritmiche “lilkeriane” e sgommate improvvise alla Slayer, strofe e ritornelli (ma anche interi pezzi) dalla durata di pochi secondi suonati a 300 mph, voce e cori da sollevazione popolare e stacchi di batteria dispari, assoli brevi e ignoranti e riffs epilettici, i nostri non esitano ad usare qualsiasi arma sonora partorita dalle menti responsabili dell’unione di due mondi che la storia della musica stava tenendo separati, ovvero la cazzimma punk anni ‘80 e la contemporanea maestria mazzuolatoria del thrash-speed metal. E quindi vai di Suicidal Tendencies, Sacred Reich, Agnostic Front, S.O.D., Nuclear Assault, Overkill, D.R.I., Anthrax, Minor Threat, G.B.H., primi Voivod, e direi anche qualche riff “MC5 style” nelle (rare) parti in cui la velocità sembra scendere a livelli socialmente accettabili. Per quanto riguarda i testi, la formula è quella collaudata e necessaria per un sound di questo tipo: situazioni, considerazioni e brevissime storie di ambientazione “politica” (nel senso di “poleis”, città, quindi “urbana”), sempre straight in your face e sempre condite da una certa dose di humour, anch’esso senza compromessi. Fra i pezzi più emblematici di questo bel lavoro credo che oltre alla title track si possano segnalare “Close to toast”, “Miserable failure”, “Glocking out”, “Broken bottles”, “Obsolete man”, “Bill of fights” e la lunghissima (4 minuti e 1 secondo!) “Four more years”. In conclusione, un ottimo album per tutti gli appassionati di questo (non)genere, che quindi come tale merita pienamente di essere ascoltato a palla scapocciando e pogando con i muri della propria stanza. Never quit!
WOLVIE

Contact
www.facebook.com/IRONREAGAN
<<< indietro


   
Heir
"Au Peuple De L’Abìme"
Der Blutharsch And The Infinite Church Of The Leading Hand
"What Makes You Pray"
Fire Strike
"Slaves of Fate"
Aliante
"Forme Libere"
Unreal Terror
"The New Chapter"
Vetriolica
"Dichiarazione D’odio"
Stereo Nasty
"Twisting the Blade"
Kal-El
"Astrodoomeda"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild