Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Into Coffin
:: Into Coffin - Into a Pyramid of Doom - (Terror From Hell - 2016)
Dentro la bara c’è una piramide del destino. Dentro la piramide del destino ci sono 5 perle nere. Quella che potrebbe sembrare una filastrocca o, al massimo, l’incipit di un racconto di Stevenson o Horward, non è altro che la sintesi della mia recensione dell’esordio discografico degli Into Coffin. Tedeschi di Marburg e con il dono della sintesi, stando almeno ai nomi d’arte scelti dai tre membri: G (bass, vocals), S (guitars, vocals), J (drums). I crucchi diventano sicuramente più disinvolti quando si tratta di mettere in pratica la lezione dei mostri sacri del doom/death, su tutti i fenomenali Winter di Into Darkness. Doom sì, ma molto sporco, ruvido e spigoloso, quasi che il trio voglia puntare più sulla sostanza che sulla forma, il che significa, in soldoni, pochi (non significa che non siano presenti) passaggi atmosferici a favore di soluzioni più cattive. Il risultato è la colonna sonora ideale per una novella del buon caro vecchio zio H.P., perché i 5 pezzi hanno un qualcosa di cosmico che non può riportarci in modo, più o meno palese, alla produzione dello scrittore di Providence. Gli Into Coffin sono una versione death/doom degli Hawkwind, basti ascoltare la title track o la successiva “The Deep Passage For The Infinity Of The Cosmos” per farsi un’idea di quanto affermo. Come se non bastasse il trio arricchisce il tutto con un piglio black metal unito a uno spirito progressivo che rende tutto allo stesso modo elementare e complesso (avete presente i Venom di At War With Satan?). C’è tutto per far breccia nel cuore di uno nostalgico come me (anche l’edizione limitata in musicassetta prodotta dalla Caligari), ma non so quanto possa piacere a chi è cresciuto ascoltando le produzioni patinate (plastificate) della Nuclear Blast degli ultimi 10/15 anni. Se vi fidate del parere di un vecchio marinaio dei mari metallici, procuratevi Into a Pyramid of Doom. Il metal è questo, tutto il resto è roba da fighetti.
Voto: 8/10
g.f.casatella

Contact
www.facebook.com/IntoCoffin
www.facebook.com/CaligariRecords
<<< indietro


   
Pizdamati
"La Mia Vita"
Hyrgal
"Serpentine"
Fakir Thongs
"Lupex"
Gualty
"Transistor"
Necrodeath
"The Age Of Dead Christ"
Paradise Lost
"Believe In Nothing (remixed-remastered)"
Virtual Time
"From The Roots To A Folded Sky"
The Night Flight Orchestra
"Sometimes The World Ain’t Enough"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2018
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info


admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Privacy | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild