Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Interferenze
:: Interferenze - V1.1 & V1.2 - (Pirames - 2010)
La band Interferenze, nasce dall’incontro dei due artisti fiorentini, Giacomo Salani (voce, chitarra, basso) e Luca Fucci (synth, piano, progs).
Di educazione musicale versatile che spazia dalla new wave al punk, riversano le proprie capacità artistiche in questo lavoro articolato di due parti; l’una, V1.1, in italiano, corredata di dodici pezzi, l’altra, V 1.2, in inglese, composta da cinque canzoni.
Il desiderio di comunicare anche in una lingua diversa dall’ italiano è dovuto al riscontro di pubblico che questo progetto musicale ha avuto in varie parti del mondo e, probabilmente, anche al desiderio di sperimentare e sperimentarsi per comprendere quale realmente sia la strada da intraprendere.
Con una buona tecnica e arrangiamenti notevoli, le Interferenze, arricchiscono la base prettamente industrial (di una tipologia ammorbidita e i cui angoli sono stati smussati) con synth anni ottanta (si ascolti La Resurrezione e Indelebile) di stampo new wave, con disorganizzazione sonora della no wave, e infine con un tocco alla Kraftwerk che di certo non poteva mancare, considerando che l’ industrial, genere di nicchia che non riesce, per diversi motivi, a raggiungere il grande pubblico, trae origine dal kraut di cui la band tedesca è pioniere.
L’ impiego di un ritmo selvaggio e di sonorità asimmetriche rendono il complesso del lavoro notevole per originalità del repertorio: ma, come tutti gli eccessi, questa diviene un’arma a doppio aglio: l’estrema varietà di melodie porta chi ascolta a non percepire un fulcro ben definito che catturi l’immaginario e identifichi la band con un pezzo “bandiera”.
Il legittimo tentativo dei due musicisti di catturare l’attenzione di una fetta di pubblico maggiore, contaminando il genere portante con i synth dell’elettronica, qualche nota presa in prestito dai Bauhaus (Indelebile), e testi di stampo “cantautorale” (che molto ricordano i Bluvertigo e il nervosismo alienato dei Subsonica) confondono facendo perdere le coordinate musicali.
Così, questo patchwork di generi musicali, che avrebbe potuto essere il loro punto di forza, si è trasformato nella loro debolezza, non permettendo infatti di caratterizzarli come band in una corrente musicale, se non vecchia, per lo meno nuova.
Dunque, in attesa della definizione dello stile proprio delle Interferenze, non ci resta che premiare la quantità di idee di Luca Fucci e Giacomo Salani, ascoltando questo lavoro che di certo non pecca di energia e che forse avrebbe reso di più se elaborato solo in inglese che avrebbe mantenuto intatta l’atmosfera di disordine e “incomprensibilità” di cui l’ industrial si veste.
Voto: 6/10
Angelica Scardigno

Contact
www.myspace.com/myinterferenze
<<< indietro


   
Le Jardin Des Bruits
"Assoluzione"
Fragore
"Asylum"
Dark Ages
"A Closer Look"
Ananda Mida
"Anodnatius"
Ars Divina
"Atto Primo"
Time Lurker
"Time Lurker"
Anno Senza Estate
"MMXVII"
Face Down Hero
"False Evidence Appearing Real"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild