Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Immortal Remains
:: Immortal Remains - Everlasting Nights - (My Kingdom Music – 2009)
Ricordo ancora qualche anno fa (forse dovrei iniziare ad usare come unità di misura il decennio), quando sulla scia del successo di band come Emperor e Satyricon, fu rovesciato sul mercato un calderone bollente di band Black Metal, che ci costrinse ad assistere a scene davvero pietose: album registrati in qualche sottoscala di Oslo, produzioni pietose, band che trascorrevano molto più tempo a dedicarsi al loro face painting, piuttosto che alla musica ed alla qualità del loro lavoro. Fortunatamente quell\'ondata si è consumata, come tutte le mode, come tutti i trend, lasciando qualcosa di buono e tanto altro che abbiamo già dimenticato. Ma è del tutto ingiusto associare i teutonici Immortal Remains a quell\'inglorioso calderone, perchè il quintetto in questione sfoggia un grande sound ed una notevole capacità di trovare nuovi spunti in seno ad un genere oramai fuori dalla sua età dell\'oro. Grandiosa l\'Intro, avvolta in un fruscio caldo e malinconico che ricorda, con nostalgia, il suono dei vecchi giradischi, creando un\'elegiaca melodia che prepara all\'oscura rabbia che esplode dopo qualche minuto con il primo vero pezzo dell\'album: “Xeper”. Sound brutale e ritmi serrati, conditi da una voce che ricorda il Dani Filth del mitico “Principle of Evil Made Flesh”, sono ingredienti che rendono gli Immortal Remains molto vicini ai Cradle di un tempo, risultando, certamente meno pacchiani e più concreti. Cantori della drammaticità e della malinconia, gli Immortal Remains risultano piuttosto originali, mai banali, capaci di alternare parti estremamente pesanti e funeste ad intrecci più introspettivi ed oscuri. Sopra tutte, emerge la straordinaria “The Haunting”, in grado di riscrivere le fondamenta del genere, aprendo un solco che traccia una nuova strada per suonare Black Metal, senza rinnegare il passato e senza dimenticare che il tempo passa per tutto (e tutti).
Consigliatissimo.
7/10
R. Doronzo

Contact
www.myspace.com/immortalremainsmetal
www.myspace.com/prong
<<< indietro


   
Le Jardin Des Bruits
"Assoluzione"
Fragore
"Asylum"
Dark Ages
"A Closer Look"
Ananda Mida
"Anodnatius"
Ars Divina
"Atto Primo"
Time Lurker
"Time Lurker"
Anno Senza Estate
"MMXVII"
Face Down Hero
"False Evidence Appearing Real"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild