Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Ć - '





Reviews - Hypnotheticall
:: Hypnotheticall - A Farewell to Gravity - (Logic(Il)logic - 2013)
Inverno 1999, nascono gli Hypnotheticall… una band nata tra amici, per suonare numerose ed eterogenee ‘idee’ musicali. Il primo risultato è “In Need of a God?”, un demo di tre tracce registrato agli inizi del 2002; inizia così anche l’attività live e successivamente la band registra un nuovo mini-cd (contente sei tracce) dal titolo “Thorns” (aprile 2003) e successivamente un promo-cd nel 2006 (intitolato semplicemente “Promo 2006”). Nel 2009, la band pubblica il suo primo full-length con la label polacca Insanity Records dal titolo “Dead World” e solo dopo alcuni cambi di formazione la band ritorna con “A Farewell to Gravity” (2013). Nella nota biografica, il gruppo cita tra le sue influenze (oppure le possiamo chiamare ispirazioni): Tool, Meshuggah, King Crimson, A Perfect Circle, Porcupine Tree, Rush, Sieges Even e Pain of Salvation. Sinceramente devo dire che già la copertina di questo disco mi ha ‘catturato’ da subito; però con la paura di cadere nel tranello di chi ‘valuta’ (e spesso si fa ingannare) sin dagli inizi ‘un libro dalla copertina’, ho preferito ascoltarmi prima tutto il disco e poi giudicare con calma “A Farewell to Gravity” (secondo lavoro di questa nuova ed interessante realtà italiana). Tutto il disco (che contiene ben 11 tracce) scorre sui binari del Prog Metal e non si fa a meno di percepire qualche riferimento ai Tool (e agli A Perfect Circle)… già, soprattutto negli effetti e in alcune melodie; anche se credo che il paragone più azzeccato sia quello con i Pain of Salvation – le similitudini tra le due band sono più evidenti; anche se ad esser sincero, la band italiana è molto brava a restare lontana dallo scopiazzare e dal plagiare sia le band di riferimento che i mostri sacri del genere (per fortuna niente ‘spettro’ dei Dream Theater). L’album scorre senza noie, alternandosi con varie soluzioni e belle idee; è un bel disco di Prog Metal, fresco e vario, ben suonato, che farà la gioia di tutti gli amanti del Prog Metal e di chi ha la mente aperta a più influenze. Ragazzi, ascoltatelo, compratelo, riascoltatelo e innamoratevi… Subito!!!
Voto: 9/10
Giovanni Clemente

Contact:
www.hypnotheticall.it
<<< indietro


   
Destruction
"Thrash Anthems II"
Niamh
"Corax"
Death2Pigs
"eMpTyV"
The German Panzer
"Fatal Command"
Appice
"Sinister"
AA.VV.
"Live At Wacken 2015: 26 Years Louder Than Hell"
Salmagündi
"Life O Braen"
The Outer Limits
"Apocalypto"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild