Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - HolyHell
:: HolyHell - Darkness Visible - The Warning EP - (Magic Circle Music - 2012)
I figliocci di Joey DeMaio si presentano all’appuntamento dell’EP apripista del nuovo album con questo “Darkness Visible - The Warning”, al solito ben prodotto e ancora meglio suonato, frutto com’è dell’egida potente e rassicurante della Magic Circle. Ad aggiungere carne al fuoco contribuiscono i due ospiti di lusso (che tuttavia risultano parte integrante della line-up) Joe Stump e John Macaluso (quest’ultimo a sostituire l’inossidabile Rhino, blasonato componente della Grande Famiglia Manowariana).
Fatte le dovute presentazioni, veniamo ai quattro brani presenti: tre gli inediti, uno l’estratto dal vivo. “Lucifer’s Warning” si apre cadenzata e solenne, e la miscela proposta prevede con una parte di gothic (ben sottolineata dalle tastiere) e una parte di power, rafforzata (neanche a dirlo) dall’apporto solistico di Stump. Si continua con il secondo estratto “Accept the darkness” (curiosamente simile proprio ad un brano degli Accept, “The Abyss”), in cui la voce della singer è multiforme e travalica le semplici barriere di genere per farsi teatrale e maligna ad un tempo, a seconda di quanto richiesto dall’atmosfera. “Haunted” è la track più cadenzata e atmosferica, ma nonostante le ottime intenzioni sembra giocare le sue carte unicamente sulla splendida voce di Maria Breon e sull’accelerazione finale che vede sugli scudi i già citati ospiti di lusso. Insomma, nulla a che vedere con i mostri sacri del doom che la track sembra voler evocare.
Siamo dunque alla versione live di “Armageddon”, tratta dall’album “HolyHell”: le primissime note della linea vocale mi avevano fatto pensare al celebre duetto di Maria con lo zio Eric su “The Phantom of the Opera” di Lloyd Webber, e tuttavia siamo qui dinanzi al brano più di impatto del lotto, che mostra la precisione esecutiva della band nonché la verve di Francisco Palomo alle tastiere.
L’impressione generale è quella di un prodotto impeccabile dal punto di vista tecnico/esecutivo, ma che difetta un po’ di quel quid che lascerebbe emergere gli HolyHell al di sopra delle altre band che propongono un genere simile. Il bello è che non assistiamo qui ad un appiattimento sulle singole coordinate, gothic o power che siano, quanto piuttosto ad una formula autoreferenziale che sembra una lezioncina ben appresa, mandata a memoria e presentata con l’ausilio di tutti i più moderni mezzi di comunicazione e produzione. Forse avrei preferito un sound più sporco e ostico, ma con almeno un elemento di rottura che sia uno, e l’assenza di ciò ha inficiato irrimediabilmente il mio giudizio. D’altronde, per relativizzare, non dimentichiamo di essere dinanzi ad un semplice EP apripista, e come sempre rimandiamo un giudizio definitivo all’uscita dell’album vero e proprio.
Voto: 6,5/10
Francesco Faniello

Contact:
www.holyhell.com
<<< indietro


   
I Sileni
"Rubbish"
Prong
"Zero Days"
Paradise Lost
"Medusa"
Straight Opposition
"The Fury From The Coast"
Blind Guardian
"Live Beyond The Spheres"
Mother Nature
"Double Deal"
Numenor
"Chronicles From The Realm Beyond"
Beny Conte
"Il ferro e le muse"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild