Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Helltown
:: Helltown - Lead To Hell - (Autoprodotto - 2007)
“Lead To Hell” disco autoprodotto per la band brasiliana heavy degli Helltown, dodici trace, forse anche troppe per questi ciunque ragazzi (in verità Quattro poichè la vocalist è una dona!!)
Questa la tracklist:
Metal’s pride!
Run for action
Wanted
Breaking the time
Alone in the night
Helltown
Lead to hell
Flames of fate
Higer than you
Forever a rebel
In the heart of the storm
Reach the higest mountain

Credo che per parlarvi di questo lavoro e rendere chiari I miei pensieri, debba partire veramente dall’inizio: appena aperta la busta postale contenente il disco e cacciato fuori il materiale, mi sono resa conto già da come si presentava la copertina, che non solo si trattasse di un lavoro dozzinale, ma più che altro di un disco heavy.
Le registrazioni sono davvero mediocri, molto mediocri, credo che se almeno la qualità del suono fosse stata buona, qualcosa di “lead to hell” si sarebbe potuta salvare.
La copertina è davvero elementare nel concetto e nel disegno, preferisco and che si limitano a scrivere il proprio nome e il nome del album piuttosto che giocare con simboli e immagini del tutto scadenti.
I dodici brani sono davvero tutti uguali, riff forse interessanti, ma scopiazzati qua e là dai Maiden o dagli Helloween, mi è capitato altre volte di definire band con l’aggettivo maideniani, ma si trattava comunque di band heavy che sfruttando i mitici maiden riuscivano ance se con difficoltà in qualche modo a rendere onore all’heavy! Qui non solo ci troviamo di fronte ad una registrazione mediocre, ma altro importante fattore è la scarsa creatività, sono del parere che adesso come adesso bisogna fare heavy con creatività o perlomeno bravura tecnica, cosa che in questa band è a dir poco cosa fantasma. I musicisti lasciano a desiderare, ma sono comunque ascoltabili, ciò che è davvero inascoltabile è la singer, non è terreno suo quello heavy metal, voce fastidiosa a tratti stonata, anzi ascoltando i brani sembra quasi di ascoltare la voce Symone Syann con paura, con lo spavento di vederla cadere nel burrone degli stonati!!!
Spero che la band migliori e spero che non si basi, anzi voglio che non si basi soltanto sul fatto di avere una bella singer donna vestita magari in maniera accattivante, perché se fosse cosi vi dico che hanno davvero perso in partenza.
MaryStarr

Contact
www.helltownband.com
www.myspace.com/helltownband
<<< indietro


   
Buffalo Grillz
"Martin Burger King"
Monnalisa
"In Principio"
Overkhaos
"Beware Of Truth"
Antonio Giorgio
"Golden Metal - The Quest For The Inner Glory"
Avatarium
"Hurricanes And Halos"
Ecnephias
"The Sad Wonder of the Sun"
Antipathic
"Autonomous Mechanical Extermination"
Aurelio Follieri
"Overnight"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild