Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Heir
:: Heir - Au Peuple De L’Abìme - (Les Acteurs de L’Ombre Productions - 2017)
“L’umanità ha ereditato una terra che non merita!”, con questa premessa, ci/vi vengono presentati i francesi Heir, band formata nel settembre 2015, che offre un metallo disilluso; veloce e pesante allo stesso tempo, oscuro, ma con atmosfere a volte delicate (di contemplazione) e a volte desolate (e fredde)… descrivendo, nei suoi testi, i fallimenti dell’umanità e la sua schiavitù. La band di Tolosa ci propone un Post Black Metal pesante e oscuro, come scrivevo poche righe fa. Come spesso accade con le uscite in edizione limitata della LADLO, potete prendere una delle 1000 copie in digipack e/o una delle 300 copie in LP Gatefold – quindi, affrettatevi, se amate queste sonorità! Per i meno attenti e/o per chi non segue con costanza Raw & Wild, voglio ricordarvi che degli Heir avevamo già parlato nel 2016, per lo split con gli Spectrale e gli In Cauda Venerum… e già li avevamo trovati interessanti! Ma adesso passiamo a Au Peuple de L’Abìme. Come potete già intuire, la band francese utilizza proprio la lingua madre – come da un po’ stanno facendo molte black / post black metal band francesi stanno facendo. Au Peuple De L’Abìme è composto da ben cinque tracce, per una quarantina di minuti di atmosfere oscure e aggressività ritmica – sembra che gli Heir si ispirino alla scena tradizionale Black Metal (e si sente), ma che siano anche influenzati dall’approccio più “moderno/malinconico” che sta spopolando in Francia. La band sembra voler mostrare i muscoli, con velocità e “grezzume” che impazzano brano dopo brano… per lasciarci immergere nei putridi fanghi della scuola Black. Le melodie sembrano essere un “intermezzo” e/o un gradito sospiro, giocando con le atmosfere Post Metal, ma senza esagerare – grazie alla produzione oscura e cruda. Nessun track by track, perché se amate queste sonorità non resterete delusi… come non resterà deluso chi è più legato alla scena tradizionale Black Metal. Prendetelo, inseritelo nel lettore cd e… immergetevi negli oscuri fanghi che questa umanità ci ha riservato!
Voto: 7,5/10
Giovanni Clemente

Contact
www.lesacteursdelombre.net
ladlo.bandcamp.com/album/au-peuple-de-lab-me
www.facebook.com/heirbm
<<< indietro


   
Wyatt Earp
"Wyatt Earp"
Finister
"Please, Take your Time"
Magar
"Capolinea"
Akroterion
"Decay Of Civilization"
Zippo
"Ode To Maximum (reissue)"
Nevrorea
"Diva"
Albert Marshall
"Speakeasy"
Enio Nicolini
"Live Heavy Sharing Vinile Release"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2018
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info


admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Privacy | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild