Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Head
:: Head - Save Me From Myself - (Driven Music Group – 2008)
Passare dalla blasfemia dei Lamb of God alla ritrovata fede cattolica di Brian “Head” Welch è un salto davvero drastico. Drastico ma doveroso nonostante le costanti tematiche religiose anche per un ateo convinto come me, per l’alta caratura musicale del primo lavoro solista dell’ex chitarrista dei Korn. Drastico come il cambiamento di vita di Head, che sull’onda del successo, in tour per tutto il mondo, circondato da donne ed immerso tra alcol e droga nel 2005 lascia la band di Bakersfield di cui era fondatore per il bene di sua figlia, annunciando di aver scelto Gesù come sua salvezza e di dedicare a lui le proprie ricerche musicali. Dopo aver fondato una personale etichetta discografica, la Driven Music Group, con l’appoggiato dalla Warner e la partecipazione di musicisti di tutto rispetto come Tony Levin al basso e Josh Freese alla batteria, pubblica il disco che sto per recensire “Save Me From Myself”, omonimo titolo dell’autobiografia scritta qualche tempo prima.
Ascoltando questo disco potreste rimanere davvero stupiti, perché il capitolo canti di preghiera per chierichetti e filastrocche da boy-scout trasmesso in rete è ormai chiuso. Head riabbraccia la sua sette corde deciso a far capire a tutti che gli spetta di diritto il ruolo di padre nel precedente decennio del movimento chiamato Nu-metal. Resterete stupiti anche delle sue qualità dietro il microfono, sempre oscurato da Jonathan Davis in questo progetto solista dimostra di avere una voce abbastanza buona e multiforme, calda ed espressiva e all’occasione potente ed aggressiva.
Con questo disco Brian Welch da solo sembra ricordare i primi Korn molto meglio di quanto i restanti componenti della band abbiano fatto dopo la sua dipartita, dimostrando che molte idee delle loro prime produzioni fossero sudore della sua “Testa”. Comunque oltre ai riff groovy e ribassati della sua K7 e le armonie dissonanti tipicamente Korn, Head inserisce sintetizzatori di sottofondo capaci di creare atmosfere cupe e gotiche.
Qualche dubbio sulla sua redenzione però mi è venuto guardando il video di “Flush”, singolo estratto da questo full-lenght, le due provocanti ballerine non rispettano il classico rigore cattolico e le sue pose da deposto dalla croce sono alquanto dissacranti. Che sia solo un artificio commerciale?
Voto:8/10
Jetraxim

Contact
www.brianheadwelch.net/
www.myspace.com/brianheadwelch
www.drivenmusicgroup.net/home.php
<<< indietro


   
I Sileni
"Rubbish"
Prong
"Zero Days"
Paradise Lost
"Medusa"
Straight Opposition
"The Fury From The Coast"
Blind Guardian
"Live Beyond The Spheres"
Mother Nature
"Double Deal"
Numenor
"Chronicles From The Realm Beyond"
Beny Conte
"Il ferro e le muse"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild