Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Grimmstine
:: Grimmstine - Grimmstine - (Autoprodotto – 2009)
Sulla ruota dei grandi ritorni in ambito heavy metal classico, l’estratto questa volta risponde al nome Steve Grimmett. Ritorno non da poco, considerando il peso specifico che la sua band più celebre, i Grim Reaper, hanno avuto nella storia del genere, soprattutto grazie a un album del calibro di See You in Hell (1983). Certo, il vocalist non è che in questi anni sia stato proprio con le mani in mano, basti pensare al successo riscosso dai suoi Lionsheart, soprattutto in Giappone, a metà anni 90, o alla sua collaborazione con gli Onslaught per la registrazione di In Search Of Sanity. Sta volta ci riprova con una band quasi omonima, l’altra metà del monicker del gruppo è dovuta al cognome del chitarrista talentuoso Steve Stine (Methuselah, Dozer ). I due sono il motore portante della band, mentre la sezione ritmica è rappresentata dai due membri dei Sons Of Poseidon, Hat ( basso) e Dave Johnson (batteria). Come lascia presagire la bella copertina, l’intento del gruppo è quello di fondere le sonorità inglesi di Grimmett con quelle americane di Stine. Il risultato, a mio avviso, non è bilanciato. L’album per lo più suona più americano che inglese. Certo, si tratta di metal anni 80, mentre le sfaccettature british, alla fine, si riducono a influenze Iron Maiden qui e là. Nelle note biografiche c’è qualche giudizio della stampa estera che rintraccia influenze Killswitch Engage, che a mio parere però non ci sono. Ma capisco che la band possa enfatizzare questa cosa per attrarre i più giovani. L’album alla fine si fa notare soprattutto per le grandi melodie dal sapore retrò. La voce di Steve appare ancora in ottimo stato. Quindi tutto fila liscio e sicuramente questo esordio non sfigura accanto alle uscite in campo heavy metal classico firmate dai nuovi “mostri” del genere, Enforcer in primis. Ben tornato Steve.
Voto: 7,5/10
g.f.cassatella

Contact
www.myspace.com/grimmstine
<<< indietro


   
Banana Mayor
"Primary Colors Part I: The Red"
Deflore
"Epicentre"
Where The Sun Comes Down
"Welcome"
Lo Fat Orchestra
"Neon Lights"
Eyelids
"Endless Oblivion"
Disequazione
"Progressiva Desolazione Urbana"
Labyrinth
"Architecture Of A God"
Uneven Structure
"La Partition"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild